La Sicilia e la sfida del turismo in fase 2, Musumeci: "Pensiamo a patente sanitaria"

Il governatore guarda alla data del 3 giugno, quando dovrebbero riprendere gli spostamenti tra regioni ma non esclude in una fase successiva gli arrivi dell'estero: "Si tratta di definire il criterio. Intanto pensiamo a un turismo autoctono"

Anche la Sicilia, dopo la Sardegna, pensa a una "patente sanitaria" per chi vuole fare ingresso nell'Isola. Ne è convinto il governatore  Nello Musumeci, che lo ha annunciato a Radio 1 Rai. Parlando della riapertura dell'isola dal 3 giugno, Musumeci ha detto: "A decidere non sarà la politica ma i numeri, la curva epidemiologica. E' lì che sta la cabina di regia. Se non aumentano i contagi abbiamo ragione di aprire alle altre regioni dal 3 giugno. E se anche questo dovesse andare bene potremmo pensare anche all'arrivo di turisti stranieri, adottando tutti gli accorgimenti previsti. Penso a una sorta di 'patente'".

Musumeci ha spiegato che "Servirebbe una sorta di 'patente', si tratta di definire il criterio. Ma si tratta di soluzioni parziali, perché il virus continua a essere presente anche in soggetti asintomatici. Credo che bisognerà adottare una soluzione, intanto pensiamo a un turismo autoctono, composto da siciliani che si muovono da un posto all'altro della Sicilia, sono 2 milioni di persone".

In merito invece agli assembramenti che hanno segnato il primo giorno di apertura di pub e locali nella zona della Vucciria, Musumeci - che ieri aveva strigliato i cittadini e si era detto pronto a richiudere in caso di nuovi episodi simili - si è mostrato più indulgente. "Sono convinto - ha drtto - che non sarà necessario ricorrere a nuove restrizioni in Sicilia. I siciliani hanno dimostrato di essere responsabili. L'esuberanza giovanile e la voglia di riassaporare la libertà ha potuto determinare alcune situazioni critiche perché stare senza mascherina a distanza ravvicinata e creare assembramenti è tutto quello che viene sconsigliato dai tecnici, ma sono convinto che i siciliani abbiano senso di responsabilità, come hanno dimostrato in otto settimane".

E soprattutto i più giovani hanno accolto con favore la decisione di riaprire, dall'8 giugno, le discoteche nell'Isola. Ma lo stesso Musumeci ha spiegato che potranno restare aperte solo "se si tratta di un luogo dove ascoltare musica all'aperto. Noi siamo pronti, mentre se è un luogo dove mettere 50 persone su 50/60 metri, allora diventa difficile. Qui dobbiamo capire che siamo in condizione di emergenza, a piccole fette possiamo mangiare la torta ma senza abbuffarci". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte AdnKronos

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento