Economia messa alla prova dal virus, Orlando: "Per migliaia di imprese c'è rischio chiusura"

Secondo il Sindaco e presidente di Anci Sicilia: "Ci sono migliaia di imprese per le quali il problema non è più 'quando' riaprire, ma piuttosto 'se sarà possibile' riaprire". Da qui la richiesta di un piano nazionale e regionale di assistenza

"Il dibattito incentrato sulla data di apertura di alcune attività commerciali mi sembra del tutto fuorviante. Ci sono migliaia di imprese per le quali il problema non è più 'quando' riaprire, ma piuttosto 'se sarà possibile' riaprire. Credo che a molti sfugga la vastità e la profondità del dannostrutturale che il blocco totale di alcune attività economiche ha determinato". A dirlo è il sindaco Leoluca Orlando, che sottolinea il danno economico patito da molti imprenditori. 

Confcommercio Palermo: "Dpcm inaccettabile"

Da quando si è iniziato a parlare di "fase due" e ancora di più dopo l'annuncio delle misure da parte del premier Giuseppe Conte, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali, schieramenti politici dibattono sulle riaperture. Sulle modalità ritenute migliori. Il Professore interviene adesso sottolineando che "Ci sono imprenditori che non hanno incassato un euro per quasi due mesi durante i quali hanno dato fondo a tutti i propri risparmi; ci sono imprese che anche con una riapertura parziale e scaglionata non potranno sostenere le spese vive di gestione".

"Delusi da Conte", Musumeci e l'Ars contestano il decreto sulla "fase 2"

Secondo Orlando "quello che serve è un piano complessivo per l'economica che non sia un semplice calendario di aperture, né, tanto meno, una lista della spesadove si aggiungono soluzioni parziali e non risolutive. Occorre un piano nazionale e regionale per il sostegno alle imprese, che unisca provvedimenti diretti - come i finanziamenti a fondo perduto - e indiretti - come gli sgravi o le esenzioni fiscali, per le quali occorre però trovare forme di compensazione per le minori entrate dei Comuni, a loro volta a rischio di bancarotta e di non poter garantire servizi essenziali. Per questo abbiamo chiesto come Anci - prosegue Orlando - che arrivi quanto prima un nuovo Dpcm (decreto del presidente del Consiglio) e per questo chiediamo con forza di interloquire col Governo regionale perché per tutte le misure allo studio sia forte l'interlocuzione con gli Enti locali nell'ottica della collaborazione istituzionale e della visione d'insieme. Fermo restando che occorre riaprire al più presto possibile tutte le attività in cui potranno essere garantite le condizioni di sicurezza e prevenzione, credo però che senza una visione strategica la nostra economia non si riprenderà facilmente da questa crisi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovo appello dei circoli sportivi a Musumeci: "Disponga apertura"

E di ripresa economica da sostenere parla anche l'assessore alle Attività economiche del Comune, Leopoldo Piampiano.  "L'Amministrazione - dice - si è attivata già da settimane per un confronto serrato con le categorie produttive, le associazioni datoriali e i rappresentanti delle aziende che operano nel nostro territorio per stilare un piano organico per la ripresa economica. Attraverso il tavolo di confronto già attivato, cui partecipano anche i dirigenti comunali delle aree competenti e che ha visto un momento di condivisione con tutta la Giunta, il Comune sta predisponendo un pacchetto di proposte e richieste al Governo nazionale e al Governo regionale che chiediamo siano inserite nel più ampio piano di ripresa economica del paese. Il Comune intende fare la propria parte per quanto possibile in base alle leggi vigenti, ma proprio per questo, anche con la Commissione competente e con tutto il Consiglio comunale, vogliamo proporremodifiche che diano respiro alla nostra capacità di azione a sostegno delle imprese".

Comune, le proposte della sesta commissione per le imprese in crisi per il Covid-19

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Coronavirus, altri 65 nuovi casi in Sicilia: Palermo la provincia più colpita

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento