Musumeci pubblica l’ordinanza: riaprono i negozi, centri commerciali e supermercati chiusi la domenica

Il presidente della Regione ha firmato il provvedimento che allarga un po' le maglie per tutte le attività al dettaglio. Per il catering si riparte l’8 giugno. Via anche al turismo. Resta l’obbligo della mascherina nei luoghi aperti al pubblico

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha appena firmato la nuova ordinanza che recepisce il decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e regolamenta, tra l'altro, le attività economiche e produttive, il trasporto pubblico e la prevenzione sanitaria. Il provvedimento, che conta di 25 articoli, entra in vigore da domani, lunedì 18 maggio, e mantiene l'obbligo dell'utilizzo della mascherina nei luoghi pubblici. Via libera a ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, self service, bar, pasticcerie, gelaterie e rosticcerie, oltre che a parrucchieri e centri estetici. Le attivitaà di catering saranno autorizzate a partire dall'8 giugno, "rimanendo subordinata per ciascun evento - si legge - la individuazione di locali pubblici o privati adeguati a garantire il rispetto delle 'Linee guida' e le specifiche disposizioni individuate nel decreto del presidente del Consiglio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fino al 7 giugno si potranno comunque svolgere tutte le attività propedeutiche all'apertura, compreso l'incontro con la clientela, "purchè nel rispetto dei principi di distanziamento interpersonale e di prevenzione del contagio". Restano in vigore, per il momento, le chiusure domenicali e nei festivi per tutti gli esercizi commerciali autorizzati alla riapertura, come ad esempio i supermercati, fatta eccezione per le farmacie, le edicole, i bar, la ristorazione e i fiorai. È autorizzato anche nei festivi il servizio di consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità, sia nell'ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell'ambito della media e grande distribuzione. Rimangono chiusi nei giorni domenicali e festivi i centri commerciali e gli outlet. Sono consentite le attività turistiche, le attività alberghiere ed extralberghiere, compresi gli alloggi in agriturismo, b&b, villaggi turistici, campeggi e case vacanza, ma sempre "nel rispetto delle 'Linee guida' e di quanto specificamente disposto dal decreto del presidente del Consiglio". Sono autorizzate anche le attività di bar e ristorazione interne alle strutture ricettive, nonché i servizi di cura alla persona.

Scarica il testo completo dell'ordinanza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento