Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Candidato sindaco col nipote di Provenzano, la foto imbarazza Di Maio: "Va espulso"

Il vicepremier: "Non vado a Corleone. Un ministro, lo Stato, non può partecipare a un comizio dopo un appello al dialogo con i mafiosi". Pascucci, aspirante primo cittadino del M5S: "Sto valutando il ritiro"

Il vicepremier Luigi Di Maio

Il vicepremier Luigi Di Maio stasera non parteciperà al comizio finale del candidato sindaco del M5S di Corleone Maurizio Pascucci, finito nell'occhio del ciclone dopo la foto pubblicata su Facebook col nipote di Provenzano.

La rinuncia pochi minuti dopo l'atterraggio a Punta Raisi. Di Maio, con un video diffuso sulla sua fanpage di Facebook, ha comunicato la sua decisione. "Mi dispiace - ha detto rivolgendosi agli elettori del M5S di Corleone - ma stasera non ci sarò. Anche se mi avrebbe fatto piacere. Poco fa ho aperto lo smartphone e tra le news c'era la notizia del nostro candidato sindaco M5S che voleva aprire al dialogo con i parenti dei mafiosi. Questa dichiarazione fa il paio con la foto sua con il nipote del boss Provenzano, uno dei capi della mafia stragista degli anni '80 e '90. Sono sicuro che foto e dichiarazioni siano state fatte in buona fede, ma è il concetto ad essere pericolosissimo. Non posso correre il rischio che un ministro, lo Stato, partecipi ad un comizio elettorale dopo un appello al dialogo con i mafiosi". 

Di Maio-5-3

Pascucci si è lasciato immortalare con Salvatore Provenzano, nipote di Binnu 'u tratturi, nel bar che a Corleone gestisce con la moglie. "Un buon caffè con Salvatore. Delusione per i maldicenti..." questo il commento di accompagnamento. L'istantanea ha sollevato un vespaio di polemiche. Per il ministro Di Maio "se ti fai una foto col nipote di Provenzano stai comunicando qualcosa - anche involontariamente - a quelli lì. I voti di quelli non li vogliamo e ci fanno schifo".

Un vero e proprio terremoto politico, tanto da mettere in discussione la candidatura di Pascuccia. "Il ritiro della mia candidatura? Sto valutando. Tra un po' mi incontrerò con il mio staff e decideremo tutti insieme", ha detto Pascucci all'AdnKronos. "Chiedo scusa a Di Maio, ma quella foto con il nipote di Provenzano è stata concordata con lo staff e il deputato di riferimento di Corleone (Giuseppe Chiazzese, ndr). E' stata frutto di una scelta precisa, perché volevamo dare un segnale e non per chiedere i voti dei mafiosi, anzi per evidenziare la presa di distanza del nipote di Provenzano dalla mafia". 

pascucci provenzano-2

Pascucci, dopo aver visto il video del vicepremier Di Maio, ha parleto di "incomprensione". E ha ribadito: "Io non li voglio i voti dei mafiosi e lo dirò al comizio stasera. Sono a Corleone da 14 anni e combatto contro la mafia e i mafiosi, quindi mai e poi mai posso pensare di arrivare a un compromesso con loro. Il fatto è molto semplice - ha provato a spiegare Pascucci - ci sono dei parenti di mafiosi condannati che prendono le distanze dai loro congiunti e non è giusto che questi parenti siano esclusi per tutta la loro vita dalla comunità. Solo a questa condizione, se loro prendono le distanze dai loro congiunti che hanno commesso dei reati gravissimi penso che si possa aprire con loro un dialogo per farli uscire da una dinamica che li colpevolizza in quanto i parenti dei mafiosi non hanno commesso dei reati".

Pascucci non ha ancora parlato con Di Maio, che stasera incontrerà alcune categorie di lavoratori in difficoltà, mentre domani visiterà lo stabilimento della Fincantieri e farà un meeting con un centinaio di imprensitori. "Spero - ha concluso - di incontrarlo domani a Palermo". Un addio al M5S? "No, nessuna rottura. Io mi scuso con Di Maio e con i cittadini che hanno pensato che io volessi i voti dei mafiosi".

Visto che, malgrado le scuse, Pascucci ha organizzato il comizio, Di Maio ha annunciato sanzioni: "Lo denunceremo ai probiviri, va espulso dal M5S. Qualora qualcuno della lista fosse eletto, gli verrà subito ritirato il simbolo. Sullamafia - ha concluso Di Maio - non è concesso neppure peccare d'ingenuità da parte di chi si candida a ricoprire cariche pubbliche. Non ci aspettavamo questa arroganza. Non è un comportamento da Movimento 5 Stelle e come tale deve essere sanzionato immediatamente".

Preoccupazione è espressa dalla Camera del Lavoro di Corleone. "Fermo restando che la lotta alla mafia non si fa emarginando i parenti dei mafiosi ma condividendo con chiunque i valori di giustizia e legalità, la scelta di Pascucci appare preoccupante perché il tema dei rapporti con la mafia doveva essere affrontato sia da lui che dai suoi avversari in modo del tutto diverso e con modalità più serie - dice Cosimo Lo Sciuto, segretario della Camera del Lavoro  - La città di Corleone ritorna al voto dopo due anni di commissariamento per mafia. Solo questo avrebbe dovuto spingere chi si è candidato alla guida della città a prendere delle posizioni nette e inequivocabili contro il sistema mafioso ancora presente nella nostra realtà. Purtroppo, si è parlato più di pacchetti di voti che di programmi o di ripudio della mafia. Riteniamo gravissima la scelta del vice presidente del Consiglio Luigi  Di Maio di non essere presente a Corleone, ricordandogli che prima di essere capo politico di un partito è uno dei massimi rappresentanti dello Stato. Parlando di mafia, Di Maio avrebbe dovuto dismettere i panni dell’uomo di partito e da uomo delle istituzioni assicurare vicinanza ai cittadini corleonesi, stanchi di essere etichettati come mafiosi, e garantire vigilanza, possibilmente incontrando tutti i candidati. L’antimafia non va fatta solo nelle stanze del governo, ma soprattutto nei territori che questa situazione la vivono. La nostra non può solo essere terra di consensi".  "Ricordiamo al vicepresidente del Consiglio Di Maio che la legalità e l'antimafia non si praticano lasciando spazio ai concetti e alle interpretazioni e riteniamo che con le sue dichiarazioni abbia offeso gente che quotidianamente lotta per scrollarsi di dosso etichette, figlie di una storia triste come quella che riguarda Corleone. Dispiace dover constatare che ancora una volta questo paese, in barba ai proclami elettorali che urlano al cambiamento, risulti essere anche vittima di abbandono di Stato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candidato sindaco col nipote di Provenzano, la foto imbarazza Di Maio: "Va espulso"

PalermoToday è in caricamento