rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica Corleone

"Mafia e teatrini": terremoto a Corleone, si dimettono 4 consiglieri

E' polemica con il sindaco Lea Savona: "Scarsa attenzione da parte dell'amministrazione cittadina nei confronti dei temi legati alla legalità"

"Scarsa attenzione da parte dell'amministrazione cittadina nei confronti dei temi legati alla legalità, dopo i numerosi 'fatti mafiosi' che hanno interessato il territorio". E' terremoto a Corleone, dove quattro consiglieri comunali democratici si sono dimessi in aperta polemica con il sindaco Lea Savona, incassando il sostegno del  segretario Raciti. I consiglieri qualche mese fa avevano proposto una mozione di sfiducia non andata a buon fine per l’assenza del quorum necessario e il 23 maggio scorso gli stessi consiglieri Pd avevano disertato le commemorazioni della strage di Capaci, definendole "teatrino dell’antimafia".

Intanto il 9 luglio è atteso proprio a Corleone il responsabile nazionale Giustizia del Pd, David Ermini, per prendere parte a un’assemblea alla quale parteciperanno i rappresentanti dei circoli del corleonese e delle Madonie, i consiglieri comunali di Corleone del Pd che hanno annunciato di rassegnare le proprie dimissioni. Lo rende noto Carmelo Miceli, segretario provinciale del Partito democratico a Palermo.

"Avvertiamo - dice Carmelo Miceli, segretario provinciale del Partito democratico - un clima sempre più pesante tanto a livello provinciale quanto regionale, nuovi e vecchi fenomeni di carattere mafioso si stanno radicando in maniera inquietante e non sempre le reazioni della politica e delle amministrazioni pubbliche si dimostrano all'altezza della situazione. Il Pd non ha intenzione di abbassare la guardia ed è per questo che nel corso dell'incontro del prossimo 9 luglio procederemo all'avallo delle dimissioni dei consiglieri comunali di Corleone che subito dopo saranno consegnate al protocollo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mafia e teatrini": terremoto a Corleone, si dimettono 4 consiglieri

PalermoToday è in caricamento