Regione sblocca le graduatorie: ripartono i contributi contro le barriere architettoniche

I fondi serviranno per realizzare scivoli, montascale o ascensori, per l'acquisto di ausili per la cura e l’igiene personale. Emessi i mandati di pagamento per 1,6 milioni di euro. L'assessore Scavone: "Via libera alle istanze di 365 famiglie arrivate da 115 Comuni”

La sede dell'assessorato alla Famiglia

L’Assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali sblocca le graduatorie 2009, 2010 e parte del 2011 relative all'erogazione dei contributi per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. “Abbiamo già emesso i mandati di pagamento, per un totale di 1,6 milioni di euro, con cui arriviamo a soddisfare - afferma l'assessore Antonio Scavone - le richieste di 365 famiglie dell’Isola pervenute da 115 Comuni".

Gli interventi finanziati riguarderanno i lavori necessari all’abbattimento delle barriere architettoniche, come la realizzazione di scivoli, montascale o ascensori, o l'acquisto di ausili per la cura e l’igiene personale. "Possiamo anche rassicurare i Comuni, cui va inoltrata la domanda di ammissione a beneficio, - ha aggiunto l'assessore- che ritireremo la circolare che impediva dal 2012 la presentazione di nuove istanze a causa della carenza di risorse poichè, dal soddisfacimento di tutte le richieste ad oggi pervenute, resteranno circa un milione e mezzo per finanziare nuove istanze”.

Tutto quuesto è stato possibile - spiegano dalla Regione - perchè, a seguito di una intensa interlocuzione con il ministero per le Infrastrutture "siamo riusciti a recuperare somme bloccate da anni, un totale di 4,4 milioni di euro per il quadriennio 2017-2020, e che vanno a finanziare le domande di cui alla legge n.13 del 9 gennaio 1989 le cui richieste erano ferme alla graduatoria del 2009 per la mancanza dei trasferimenti statali”.

Gli Uffici dell'assessorato stanno provvedendo a esitare tutte le richieste dalla graduatoria 2009 fino a parte di quella del 2011, mentre, non appena saranno disponibili le somme del 2019, arriveranno a completare anche quella del 2012. Il contributo riguarderà il cento per cento dell'importo per i lavori fino a 2,5 mila euro, il 25 per cento per la parte eccedente fino a 12,9 mila euro, e il 5 per cento per la parte fino a 51,6 mila euro. A potere presentare istanza, che non prevedeva alcun limite Isee, erano stati i disabili con difficoltà di deambulazione certificata da un medico.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

  • Sognando la villa con piscina a Mondello, costi e tempi per averne una in giardino

I più letti della settimana

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Incidente in via Selinunte, a bordo di una Vespa si scontra con un’auto: morto un uomo

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, frontale fra due furgoni: grave un quarantenne

  • Turista denuncia sera da incubo alla Vucciria: "Trascinata in auto e palpeggiata"

Torna su
PalermoToday è in caricamento