Consiglio, statuti di Amg e Rap adeguati al fotofinish: "Opposizione determinante"

Via libera di Sala delle Lapidi alle modifiche richiesta dall'Anac nell'ultimo giorno utile. Minoranze all'attacco, Forello (Io Oso): "Amministrazione in ritardo, maggioranza assente". Ferrandelli (+Europa): "Si è rischiato di mandare a mollo lavoratori e servizi"

All'ultimo giorno utile, il Consiglio comunale adegua gli statuti di Amg e Rap alle prescrizioni dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac). Le modifiche statutarie riguardano il cosiddetto controllo analogo e sono state richieste dall'Anac per legittimare il Comune ad affidare la gestione di un servizio pubblico locale a una società con capitale interamente pubblico.

L'Aula è arrivata al voto al termine di una seduta aperta solo grazie alla presenza dei consiglieri delle minoranze. La maggioranza infatti non aveva i numeri. "La modifica degli statuti è arrivata quasi a tempo scaduto - sottolinea Ugo Forello (Io Oso) - a causa dei ritardi dell'amministrazione. Da un punto di vista politico va sottolineato che la maggioranza non c'era". Gli fa eco Fabirio Ferrandelli (+Europa), che aggiunge: "La maggioranza rischiava di mandare a mollo migliaia di lavoratori e i servizi ai cittadini. Questi atti, così delicati e di vitale importanza, sono stati presentati al fotofinish per il voto in extremis in Consiglio comunale. E nonostante i rischi e i tempi, la maggioranza non aveva i numeri e il sindaco era assente. Se non fosse stato per la nostra prontezza, determinazione e capacità amministrativa tutto sarebbe andato in malora. Vergogna!".

"A volte - conclude Ferrandelli - verrebbe voglia di far saltare tutto, ma ci rendiamo conto che la città appartiene a chi la ama e non a chi la malgoverna. Senza la nostra presenza e il nostro voto decisivo, oggi Palermo sarebbe nella palude". Subito dopo il via libera del Consiglio è arrivato quello dell'assemblea dei soci delle due aziende partecipate, che hanno inviato i nuovi statuti all'Anac. Restano ancora da modificare gli statuti di Amat e Amap. Domani, intanto, l'Aula dovrebbe intervenire sul piano farmacie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento