rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica

Dalla vertenza dei 1.500 di Almaviva ai casi Alitalia e Tim: il congresso di Slc Cgil

Si celebra lunedì 9 gennaio, a partire dalle ore 9 alla Casena dei Colli, l'appuntamento con il sindacato lavoratori della comunicazione

Si celebra lunedì 9 gennaio, a partire dalle ore 9 alla Casena dei Colli, il settimo congresso della Slc Cgil Palermo, il sindacato lavoratori della comunicazione. Ad aprire i lavori, la relazione del segretario generale Marcello Cardella. Interverranno Francesco Piastra, segretario d’organizzazione Cgil Palermo e Riccardo Saccone, segretario della Slc Cgil nazionale.

Il congresso conclude un percorso preceduto da 40 assemblee congressuali, con la partecipazione di 1.500 lavoratrici e lavoratori. E si svolge nel bel mezzo dell'emergenza occupazionale che riguarda Almaviva, con la chiusura della commessa del 1500 “operata inopinatamente del ministero della Salute. Una commessa che vedeva impegnati 200 lavoratori a Palermo, adesso in cassa integrazione straordinaria a zero ore”.

“Per questi lavoratori - dichiara il segretario generale Slc Cgil Marcello Cardella - che nella fase più acuta della pandemia hanno svolto con dedizione e abnegazione un servizio alla collettività, occorrono risposte in termini di continuità occupazionale nel più breve tempo possibile. Attendiamo risposte dagli incontri in corso. L’Slc Cgil Palermo come sempre è pronta a fare la sua parte”.

Al centro del dibattito, l’analisi della situazione politica: la crisi economica e sociale aggravata dalla guerra in Ucraina, l'aumento della bolletta energetica, l'inflazione all'11% e i mancati rinnovi dei Ccnl, che  hanno ridotto in maniera eccessiva il potere d'acquisto dei lavoratori nel  settore. “E’ necessario - aggiunge il segretario generale Slc Cgil Palermo Marcello Cardella - riprendere una forte iniziativa di mobilitazione per i rinnovi dei Ccnl scaduti da tanti anni e nello stesso tempo inaugurare un stagione di lotte per costringere il governo ad una politica redistributiva per le fasce più deboli del mondo del lavoro”.

Nella sua relazione, il segretario Marcello Cardella farà un focus sui temi che affliggono la categoria e anche sulle vertenze positivamente chiuse, come quella relativa alla travagliata commessa Alitalia, che ha visto i lavoratori portare a compimento una dura battaglia per il riconoscimento della clausola sociale e la ricollocazione dei lavoratori.

“Il settore delle Tlc - aggiunge Cardella - è attraversato da una crisi che in questi anni ha visto il crollo dei fatturati dei gestori telefonici a causa di una concorrenza basata solo sui prezzi al cliente, che ha impedito investimenti sullo sviluppo della banda larga e sul digitale. Emblematico il caso Tim, che rischia di essere relegata a puro fornitore di servizi, perdendo la sua vera missione che è quella della digitalizzazione del Paese. Questa situazione rischia di trascinare l'intero settore verso una crisi occupazionale nell'indotto, che conta più di centomila addetti”. Altro tema al centro del dibattito, la crisi del settore della produzione culturale   che a Palermo, prima a causa della pandemia e adesso per mancati investimenti delle istituzioni locali, sta vivendo una fase difficile.  

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla vertenza dei 1.500 di Almaviva ai casi Alitalia e Tim: il congresso di Slc Cgil

PalermoToday è in caricamento