Rifiuti ingombranti, la proposta di Lo Sardo: "Rap effettui servizio gratuito per le scuole"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Premesso che per norme e regolamenti derivanti dal contratto di servizio tra comune di Palermo e RAP per la gestione dei rifiuti urbani e i servizi di decoro e igiene urbana, è consentito che nelle isole ecologiche RAP, il materiale di scarto possa essere conferito da privati e che per le famiglie il servizio di ritiro dei materiali ingombranti, elettrici ed elettronici (fino ad un massimo di 5 pezzi) è gratuito se effettuato al piano stradale delle abitazioni e considerato che in tutte le scuole del territorio, emerge il problema di dover smaltire i rifiuti ingombranti per lo più costituiti da banchi, sedie, armadi, lavagne ed altro materiale inservibile che si accumulano e che costituiscono un pericolo per la salute degli alunni, del personale docente e di servizio.

Rap prevede un servizio a pagamento per la rimozione di tali rifiuti ma a cui è difficile, per le scuole stesse, ricorrervi per carenza di risorse economiche il Consiglio della V Circoscrizione ha approvato la mia mozione con la quale si impegna il Sindaco a stipulare un contratto di servizio con RAP che preveda il conferimento dei rifiuti ingombranti, materiali di scarto e RAEE a titolo gratuito per le scuole pubbliche e per gli uffici comunali e che tale possibilità sia resa permanente. Così facendo nel futuro potremmo evitare di assistere a spettacoli indecorosi all'interno delle strutture scolastiche salvaguardando principalmente la salute dei nostri piccoli. Aspettiamo fiduciosi con la consapevolezza di non stare a guardare. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento