Politica

I Comuni che rischiano di sparire, Scillato: "Pronti a dare battaglia"

Intervista ai sindaci dei centri palermitani con meno di mille abitanti che, secondo la manovra del governo nazionale, dovrebbero essere tagliati. "Provvedimento anticostituzionale"

Giovanni Avanti, Vincenzo Manzella e Antonino Battaglia

A Scillato lo scorso 16 marzo hanno fatto una grande festa per celebrare i 50 anni di autonomia comunale. Sul sito internet del Comune c’è una galleria fotografica: nella foto a sinistra si vedono il presidente della Provincia, Giovanni Avanti, il vescovo di Cefalù, Vincenzo Manzella. E poi lui, con la fascia tricolore, Antonino Battaglia, 58 anni, fiero sindaco dal 2005 di questo paese, nel Parco delle Madonie, a una sessantina di chilometri da Palermo. Scillato, 637 abitanti al primo gennaio 2011 secondo dati Istat, è uno dei quattro Comuni palermitani che rischiano la cancellazione in seguito alla manovra del governo nazionale. Ma i cittadini e soprattutto lui, Antonino Battaglia, non vogliono interrompere la storia.
 
Sindaco, come ha reagito il paese alle direttive di Roma?
 “Il paese non è ancora coinvolto in pieno. Non c’è molta paura, solo un po’ di preoccupazione. Non crediamo affatto che il Comune possa sparire, ma se dovessimo avere il sentore di qualcosa di negativo siamo pronti a fare la nostra battaglia”.
 
Tre buoni motivi per tenere in vita Scillato.
 “Primo: è antistorico e credo sia anche anticostituzionale annullare un Comune. Secondo: non vogliamo affatto vanificare l’eroica opera di Michele Valenza, che dal 1946 al 1961 lottò per l’indipendenza di Scillato e riuscì a staccarsi da Collesano, divenendo il primo sindaco. Terzo: abbiamo già capito da anni che molti servizi possono essere unificati e facciamo parte dell’Unione dei Comuni “Val d’Himera Settentrionale” insieme a Sclafani Bagni e Caltavuturo. Sarebbe superfluo un ulteriore accorpamento”.
 
Il simbolo del vostro paese.

 “L’acqua. Siamo la sorgente più ricca della Sicilia, diamo alla città di Palermo mille litri di acqua al secondo e abbiamo quattordici mulini. E poi le nostre arance. Scillato è un paese che ha anima e passione. E resterà in vita”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Comuni che rischiano di sparire, Scillato: "Pronti a dare battaglia"

PalermoToday è in caricamento