Comune, Ugl sui precari: "Per Orlando i diritti acquisti sono intoccabili? Non per i suoi uffici"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Se c'è qualcuno che non sa cosa faccia la mano destra e cosa faccia la mano sinistra è proprio il sindaco Leoluca Orlando". Lo dicono Patrizia Biagi, dirigente sindacale Ugl e Daniele Galici, Rsu Ugl al Comune di Palermo, con riferimento alle dichiarazioni rese dal sindaco in risposta al dossier Mef sulla stabilizzazione dei precari.

I due sindacalisti tirano fuori la risposta del settore Risorse umane del Comune ad una nota di diffida inviata dall'Ugl, in merito ad bando pubblicato ed espletato nel 2017 a cui deve solo far seguito la firma del contratto. "La nota del Comune, a firma Antonella Ferrara, sostiene che 'la stabilizzazione non costituisce un diritto del lavoratore precario, ma è facoltà dell'amministrazione'. Non si tratta quindi di un 'diritto acquisito, leggittimo ed intoccabile' come invece dichiarerebbe il sindaco", sottolineano Biagi e Galici. 

"Gli uffici però smentiscono Orlando - concludono -. Delle due l'una: o il sindaco di Palermo dice cose non vere o gli uffici negano i 'diritti acquisiti, leggittimi e intoccabili'... o è terrorismo?".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento