Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Tasse, via libera del Consiglio a riduzioni delle sanzioni per morosi ed evasori

Passa in Aula il regolamento sul ravvedimento operoso proposto dalla Giunta. Chi non ha versato i tributi locali potrà – dal primo gennaio 2018 – mettersi in regola denunciando spontaneamente l’inadempienza al Comune, prima che arrivi l’avviso di accertamento

Sala delle Lapidi durante una seduta del consiglio comunale - foto archivio

Via libera dal Consiglio comunale al regolamento sul ravvedimento operoso, che prevede forti riduzioni delle sanzioni per morosi ed evasori. Passa in Aula la proposta formulata dalla Giunta: chi non ha versato i tributi locali potrà – a partire dal primo gennaio 2018 – mettersi in regola denunciando spontaneamente al Comune le violazioni per omesso o parziale versamento del tributo, oltre alle violazioni per omessa o infedele dichiarazione, fino alla scadenza dei termini previsti per l’accertamento (entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento avrebbero dovuto essere eseguiti), prima che arrivi l’avviso di accertamento. 

Un esempio? Chi nel 2014 non ha pagato una cartella Tari dell’importo di 400 euro anziché una sanzione di 120 euro pagherà soltanto 20 euro in più (il 5% anziché del 30%). Per quanto riguarda invece gli evasori che dichiarano immobili finora sconosciuti all’erario comunale la sanzione oltre il tributo sarà fino al 16,65% e non più del 100%. I pagamenti dovranno essere effettuati in un’unica soluzione.

Incassata l’approvazione del Consiglio comunale, il regolamento sarà trasmesso al ministero delle Finanze e poi pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Il ravvedimento operoso entrerà in vigore con il nuovo anno. ”Spero che i cittadini colgano questa occasione per mettersi in regola” dice l’assessore comunale al Bilancio, Antonino Gentile, secondo cui questo nuovo regolamento “che si affianca agli strumenti già adottati, ci sarà un beneficio diretto per tutta la collettività”.

Per la presidente della Commissione Bilancio, Evola, "L’approvazione di questa delibera allinea il Comune di Palermo agli altri comuni d’Italia e dota l’amministrazione di uno strumento efficace per proseguire le azioni di contrasto all’evasione fiscale".

La delibera sul ravvedimento operoso è passata in Consiglio con un voto favorevole trasversale: l’unico gruppo che si è astenuto è quello di Forza Italia. Per il Movimento 5 stelle, che ha dato l’ok all’atto si tratta “di un provvedimento - afferma il capogruppo Ugo Forello - che semplifica la vita dei cittadini”.

Sanzione ridotta per omesso o parziale pagamento

Termini per effettuare il ravvedimento    
Entro 14 gg. dal termine previsto per il versamento
Riduzione sanzione 1/15 del 15% - riduzione applicata    0,1% giornaliero

Entro 30 gg. dal termine previsto per il versamento
Riduzione sanzione 1/10 del 15% -    riduzione applicata 1,50% 

Entro 90 gg. dal termine previsto per il versamento
Riduzione sanzione 1/9 del 15% - riduzione applicata 1,67% 

Entro un anno  dal termine previsto per il versamento    
Riduzione sanzione 1/8 del 30% - riduzione applicata 3,75% 

Entro due anno  dal termine previsto per il versamento    
Riduzione sanzione 1/7 del 30% - riduzione applicata 4,29% 

Oltre due anno  dal termine previsto per il versamento ed entro i termini previsti per l'attività di accertamento da parte del Comune
Riduzione sanzione 1/6 del 30% - riduzione applicata 5% 

Sanzione ridotta per omessa dichiarazione

Termini per effettuare il ravvedimento   
Entro 90 gg. dalla data prevista per la presentazione
Riduzione sanzione    1/10 del 100% - riduzione applicata  10%

Entro un anno dalla data prevista per la presentazione    
Riduzione sanzione 1/8 del 100% - riduzione applicata 12,50%

Oltre un anno dalla data prevista perla presentazione ed entro i termini previsti per l'attività di accertamento da parte del Comune
Riduzione sanzione 1/6 del 100% - riduzione applicata 16,65%

Sanzione ridotta per infedele dichiarazione

Termini per effettuare il ravvedimento       
Entro 90 gg. dalla data prevista per la presentazione
Riduzione sanzione 1/10 del 50% - riduzione applicata    5%

Entro un anno dalla data prevista per la presentazione
Riduzione sanzione 1/8 del 50% - riduzione applicata 6,25%

Oltre un anno  dalla data prevista perla presentazione ed entro i termini previsti per l'attività di accertamento da parte del Comune
Riduzione sanzione 1/6 del 50% - riduzione applicata 8,33%
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse, via libera del Consiglio a riduzioni delle sanzioni per morosi ed evasori

PalermoToday è in caricamento