Sabato, 13 Luglio 2024
Comune

Nuove fibrillazioni nella maggioranza dopo il rimpasto in Giunta, la Dc: "Pronti ad andare per la nostra strada"

Il partito di Cuffaro ha mal digerito l'accordo fatto da Lagalla e le esternazioni degli alleati. Domenico Bonanno, capogruppo Consiglio comunale: "Se qualcuno dovesse ritenerci superflui, per questa coalizione di governo, lo dica chiaramente"

Nuove fibrillazioni nella maggioranza che sostiene il sindaco Roberto Lagalla. Altro che "asperità rimosse coi partiti", come ha detto ieri il primo cittadino. Dopo l'accordo raggiunto con Fratelli d'Italia, che prevede una serie di compensazioni in cambio del via libera alla sostituzione di un assessore (Alongi al posto di Mineo), infatti la Democrazia cristiana riattizza il fuoco.  

Lagalla: "Rimosse asperità coi partiti, ci rivedremo per tagliando di metà consiliatura" 

Il partito di Cuffaro ha mal digerito l'accordo fatto da Lagalla sul rimpasto e le esternazioni degli alleati. "Nelle ultime settimane, - dice Domenico Bonanno, capogruppo della Dc in Consiglio comunale - mi sembra di leggere, neanche tanto tra le righe, la rivendicazione di meriti assoluti da parte di una forza politica la quale dimentica evidentemente la presenza fondamentale di alleati, noi in primis, che fino ad oggi hanno garantito lealtà, rispetto e presenza, oltre che l’approvazione delle delibere firmate dai loro assessori, spesso non accompagnati numericamente dalla presenza in aula della loro compagine consiliare".

Fumata bianca sul rimpasto di Giunta: esce Mineo, entra Alongi 

"Il sindaco - aggiunge Bonanno - conosce bene il nostro impegno e il ruolo centrale che il nostro gruppo ha in Consiglio per numeri e presenze ed è persona troppo esperta e lungimirante per non sapere che un equilibrio è raggiungibile solo scontentando un po' tutti, garantendo sempre confronti franchi, scelte equilibrate e il rispetto di tutte le forze politiche, cosa che ad oggi non si sta verificando. Siamo stati eletti per difendere determinati valori e per portare avanti un’idea di città, per noi la politica riveste un valore molto alto e il nostro unico intento è lavorare nell’interesse dei cittadini, ma vogliamo farlo in una coalizione che ci rispetti e della quale condividiamo volontà, scelte e metodi".

Da qui l'appello agli alleati: "Se qualcuno - conclude l'esponente della Dc - dovesse ritenerci superflui, per questa coalizione di governo, lo dica chiaramente: continueremo, come sempre, ad andare avanti a testa alta per la nostra strada, continuando a fare gli interessi della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove fibrillazioni nella maggioranza dopo il rimpasto in Giunta, la Dc: "Pronti ad andare per la nostra strada"
PalermoToday è in caricamento