menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I consiglieri del gruppo di Forza Italia

I consiglieri del gruppo di Forza Italia

"Norme troppo rigorose", Forza Italia chiede lo stop del regolamento sulla riscossione delle tasse

Secondo i consiglieri azzurri "l'inasprimento delle sanzioni, fino alla revoca della licenza, per le attività commerciali non in regola" è incompatibile con la crisi economica innescata dal Covid. "Può essere la pietra tombale, per questo va sospeso". Il sindaco: "Sì a proroga con delilibera consiliare"

"Un rinvio dell’applicazione del regolamento comunale approvato dal Consiglio ad ottobre che prevede l’inasprimento delle sanzioni, fino alla revoca della licenza, per le attività commerciali non in regola con il pagamento dei tributi comunali". Lo chiede il Gruppo consiliare di Forza Italia, che proporrà un’apposita riunione della conferenza dei capigruppo e un incontro con tutti i gruppi di maggioranza e opposizione. 

Per i consiglieri Tantillo, Caronia, Mineo, Cancilla e Ferrara "di fronte al prolungarsi e aggravarsi dell’emergenza sanitaria e delle conseguenze economiche per tantissime categorie produttive, l’applicazione di un regolamento particolarmente rigoroso nella sua parte sanzionatoria rischia di essere la pietra tombale per migliaia di attività commerciali. Ci sembra doveroso - dichiarano - che il Consiglio mostri la sua vicinanza agli imprenditori e commercianti particolarmente provati dalla crisi e spesso a rischio di chiusura, fermo restando che una volta usciti dalla crisi sarà necessario avviare una attenta opera di recupero dell’evasione che ha un peso rilevantissimo sulle casse del Comune e, quindi, sui servizi”.

A seguito della proroga dello stato di emergenza sanitaria da parte del governo nazionale, il sindaco Leoluca Orlando ha scritto agli uffici competenti, invitandoli a predisporre una proposta di delibera che consenta al Consiglio comunale di adeguare in via regolamentare il termine di decorrenza dell’inasprimento di sanzioni. “L'evasione fiscale per decine di milioni di euro - dichiara il sindaco - rappresenta un grave vulnus per l'operatività dell'amministrazione e per i servizi, ma certamente in questo momento occorre evitare un accanimento che può concretamente portare alla chiusura di decine se non centinaia di attività. Questo non sarà comunque uno strumento per i furbetti che prima del Covid hanno accumulato migliaia o decine di migliaia di euro di tasse non pagate per farla franca. Mi auguro che la mano tesa da parte dell'amministrazione non sia fraintesa e che appena sarà superata la crisi tutti capiscano l'importanza di mettersi in regola senza che siano necessarie azioni di recupero coattivo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento