Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Rap senza consiglio di amministrazione, M5S diffida Orlando per "omessa nomina"

A firmare il provvedimento sono il deputato alla Camera Adriano Varrica, il deputato all'Ars Giampiero Trizzino, e i consiglieri comunali: "Il sindaco Orlando ha ignorato ciò che la legge prevede: dare una guida all'azienda"

Il sindaco Leoluca Orlando

Ancora uno scontro tra il Movimento Cinque Stelle e il sindaco Leoluca Orlando. Il deputato alla Camera e componente della commissione Ambiente, Adriano Varrica, il deputato all'Ars e componente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino, e i consiglieri comunali di Palermo, Concetta Amella e Antonino Randazzo, hanno inoltrato una diffida ufficiale al Comune di Palermo per "l'omessa nomina del Cda della Rap".

"È passato esattamente un anno da quando si è insediata la nuova Giunta comunale - si legge in una nota del Movimento - e in questo lungo periodo, nonostante la decadenza degli amministratori della società partecipata Rap, le denunce del collegio sindacale e del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle che ha sollevato la questione attraverso numerosi interventi in Aula e anche un'interrogazione con richiesta di risposta scritta (a cui mai nessuno ha risposto), il sindaco Orlando ha ignorato ciò che la legge prevede: dare una guida all'azienda che oggi, senza un consiglio di amministrazione, procede alla deriva come una nave senza timoniere. Oggi il M5S di Palermo è tornato a chiedere senza mezzi termini e con tutte le sue forze un intervento tempestivo attraverso i suoi portavoce nazionali, regionali e comunali".

I pentastellati spiegano che "La diffida sarà l'ultimo preavviso da parte dei Cinquestelle indirizzato a Orlando". "In caso di ulteriore ingiustificata inerzia del Comune di Palermo - si legge sul documento - si valuterà di procedere in sede civile, contabile e penale (ex art. 328 c.p.), sussistendone i presupposti di legge, al fine di far accertare le singole responsabilità dei soggetti pubblici e privati a vario titolo coinvolti nella vicenda".

"L'inerzia del Comune di Palermo nella qualità di Socio Unico e degli organi societari competenti della Rap - affermano Varrica, Trizzino, Amella e Randazzo - è certamente idonea a cagionare un grave danno al patrimonio dell’ente e quindi alla collettività, oltre ad essere fonte di responsabilità di natura civile, amministrativa-contabile e penale dei soggetti competenti rimasti inadempienti all’obbligo di ricostituzione degli organi amministrativi e di controllo cessati definitivamente dalla carica lo scorso 25 settembre 2017".

Il testo integrale della diffida (file Pdf)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rap senza consiglio di amministrazione, M5S diffida Orlando per "omessa nomina"

PalermoToday è in caricamento