menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede del Tar

La sede del Tar

Circoscrizioni, il Tar ridisegna la "mappa" degli eletti: Ferrandelli perde tre consiglieri

Terremoto nei Consigli circoscrizionali di Prima, Terza e Ottava: gli orlandiani Brancato, Adelfio, D'Alia prendono il posto di Valenti, Calascibetta, Gallè. Per i giudici c'è stato un errore della commissione elettorale nell'attribuzione dei seggi

Il Tar ridisegna la mappa degli eletti in tre Circoscrizioni: la Prima, la Terza e l'Ottava. I giudici amministrativi hanno accolto il ricorso di tre candidati nelle liste a supporto della coalizione orlandiana. Per effetto di tre distinte sentenze cambia la composizione dei tre Consigli circoscrizionali: alla Prima entra Fabrizio Brancato (Sinistra Comune) ed esce Antonino Valenti (Coraggiosi); alla Terza risulta eletto Giovanni Adelfio (Palermo 2022) al posto di Anna Calascibetta (Per Palermo con Fabrizio); mentre all'Ottava Marta D'Alia (Palermo 2022) rileva Maria Gallè (Per Palermo con Fabrizio).

In sostanza entrano tre orlandiani ed escono tre ferrandelliani. Ma come si è arrivati a questo terremoto? A detta della prima sezione del Tar presieduta da Calogero Ferlisi, la commissione elettorale doveva stabilire gli eletti applicando prima il metodo "doppio D'Hondt" e poi attribuire il seggio al candidato presidente di Circoscrizione perdente (ovvero il secondo classificato che ha superato il 20% dei consensi). Che andava quindi conteggiato tra quelli attribuiti alla sua stessa coalizione. Invece la commissione elettorale ha fatto il contrario, come scrivono i giudici: "L'ufficio centrale elettorale ha prima proclamato il candidato presidente non eletto e solo dopo ha ripartito i seggi residui". Assegnando così un seggio in più alla minoranza.

I tre ricorrenti Brancato, Adelfio e D'Alia - tutti difesi dagli avvocati Giovanni Scala e Carlo Petta - si sono rivolti al Tar entro 30 giorni dalla proclamazione. Non tutti lo hanno fatto: il ricorso è stato infatti presentato in 5 Cicroscrizioni su 8. A fine mese si aspettano le sentenze relative ai casi sollevati alla Seconda e alla Settima Circoscrizione, in cui sarebbero state penalizzate le liste orlandiane. 

"Finalmente è stato posto rimedio a un errore che ha riguardato l'attribuzione di un seggio in tutte e otto le Circoscrizioni. In sette casi su otto sono state penalizzate le liste a sostegno di noi presidenti della coalizione di Orlando sindaco. E' un peccato che il ricorso non sia stato presentato ovunque" dichiara Marco Frasca Polara presidente dell'Ottava circoscrizione, secondo cui "la legge lettorale è stata scritta male e spiace umanamente che siano i consiglieri eletti a giugno a farne le spese".

"Sono contenta che il Tar ci abbia dato ragione - afferma la neo-consigliera Marta D'Alia -. L'interpretazione della legge elettorale adottata per l'assegnazione dei seggi è stata totalmente scorretta rispetto al testo di legge e incoerente rispetto alla maggioranza schiacciante della nostra coalizione uscita dalle urne. Finalmente si ristabilisce l'ordine democratico all'interno delle circoscrizioni. Adesso lavorerò per recuperare il tempo perduto". I ferrandelliani, dopo aver letto le sentenze, valuteranno il da farsi.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento