La Giunta approva il rendiconto 2019: "Conti in chiaroscuro, ma non c'è più il deficit strutturale"

Luci e ombre nel consuntivo dello scorso anno: il Comune riduce le spese e soprattutto i debiti fuori bilancio, ma continua ad incassare pochissime tasse. Il sindaco Orlando: "Il Consiglio approvi presto il nuovo regolamento di contrasto all'evasione"

La Giunta comunale ha approvato ieri sera lo schema di rendiconto 2019. "Ne viene fuori un quadro in chiaroscuro, da cui emergono elementi positivi e criticità", si legge in una nota dell'amministrazione. Tra le "note liete", si rileva innanzitutto che il Comune non versa più in una condizione di deficitarietà strutturale.

Ai fini del rispetto dei vincoli di finanza pubblica, l'ente è da considerarsi in equilibrio, in quanto presenta di un risultato di competenza dell'esercizio non negativo, pari ad euro 257.961.856,82. Le spese di funzionamento, fitti passivi, acqua luce e gas sono state ridotte del 5%, con una contrazione della spesa complessiva per tali tipologie di impieghi pari a circa 1,4 milioni di euro.

Inoltre, per il secondo anno consecutivo, l'importo complessivo della spesa per debiti fuori bilancio si è attestata su di un valore di circa 12 milioni contro i 32 del 2017 e precedenti, segno che dal 2018 si stanziano tutte le risorse necessarie alle spese autorizzate e che le misure di contrasto individuate funzionano. Sempre per il secondo anno consecutivo, i pagamenti a favore delle società partecipate si è attestato su di un valore pari a 296 milioni di euro, 30 milioni in più del valore dei corrispettivi (269 milioni): segno che il Comune di Palermo paga dal 2018 non già solamente i corrispettivi annui maturati dalla partecipate, ma ha avviato un consistente programma di recupero dei debiti arretrati.

Il fondo rischi spese legali si è ridotto di 8 milioni, grazie ad una accurata verifica imposta dalla ragioneria generale e condotta insieme all’Avvocatura comunale di tutte le ipotesi per cui la stessa chiedeva accantonamenti per rischio soccombenza. Il risparmio conseguito è stato destinato al miglioramento dei saldi del bilancio comunale. Grazie all'andamento straordinario della gestione di competenza relativa al 2019, nell'ambito del rendiconto di gestione 2019 è stato possibile eseguire un maggiore accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità (128 milioni dalla competenza) di circa 48 milioni, di modo che il deficit da accantonamento derivante dall'applicazione del metodo ordinario, pari a 355 milioni, si è ridotto a 307.

Il Comune potrà così accedere alla facoltà consentita dalla legge di recuperare il detto deficit da accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità in quindici rate annuali a decorrere dal 2021, con una rata annuale di 20,3 milioni ed un risparmio sulla rata annuale di circa 3,5 milioni. Nel 2019, di fatto, al sono stati accantonati 175 milioni (128 competenza e 47 da andamento gestione). Infine, grazie all’andamento della gestione di competenza relativa al 2019, sono già state accantonate le perdite registrate da Amat e Rap (rispettivamente 4,4 milioni e 16,2 milioni) relativamente ai bilanci 2018.

Tra gli elementi “negativi”, si riscontra la bassa capacità di riscossione delle entrate proprie. In particolare, si legge nel corpo della delibera, il Collegio dei revisori ha formalmente stigmatizzato "l’attività posta in essere dai dirigenti responsabili relativamente alla riscossione dei crediti dell'ente e costituenti residui attivi invitando l’amministrazione affinché siano adottate concrete misure finalizzate a rendere effettiva l'attività di recupero dei crediti vantati dall’ente", nonché la "scarsissima capacità di riscossione dell’ente, infatti, ha determinato l’abnormità del Fondo crediti di dubbia esigibilità, che al 31/12/2019 ha assunto il valore di 835.955.541,96 euro, e lo strutturale ricorso all'anticipazione di tesoreria”.
 
Inoltre, il deficit da accantonamento al Fcde sopra citato, condizionerà l'approvazione del bilancio di previsione 2020/2022, poiché occorrerà trovare le risorse finanziarie strutturali per eseguire un accantonamento quindicennale, dal 2021 al 2035, pari a 20.523.836,93 euro all'anno. Infine, l’accantonamento per disallineamenti e perdite delle società in house è per il 2019 pari a 125.870.449 euro ed è cresciuto di 49.880.737,25 euro, pari al 65,64%.

"Tale circostanza - si legge nella delibera - rappresenta una grave irregolarità contabile pericolosa per gli equilibri di bilancio poiché ha assorbito risorse finanziarie che avrebbero potuto essere destinate al miglioramento della parte disponibile del risultato di amministrazione, riducendone il deficit registrato al 2019 pari ad euro 635.234.392,70, e che sul piano complessivo, a fronte di accantonamenti eseguiti al 31.12.2018 per disallineamenti/perdite degli organismi partecipati pari ad € 75.989.711,73, nel 2019 il medesimo aggregato ha assunto l’abnorme valore di € 125.870.448,98, con un incremento di € 49.880.737,25, pari al 65,64%, ed interamente accantonato nell’ambito dell’avanzo di amministrazione 2019". I maggiori disallineamenti sono stati registrati principalmente dalla Rap (extracosti per il trasporto dei rifiuti in altre discariche e spese per il percolato).

"Il consuntivo 2019 - ha dichiarato il sindaco, Leoluca Orlando - conferma diversi dati positivi del 'sistema Comune' nel suo complesso, a partire soprattutto dal fatto che la condizione di deficit strutturale determinatasi nel 2018 era, come abbiamo sempre sostenuto, dovuta alle sopravvenuta e retroattiva modifica dei parametri operata dal ministero dell'Interno all'inizio del 2019. Altro elemento positivo è costituito dal consolidamento del sistema delle partecipate a garanzia dei servizi pubblici; nel 2019 sono state erogate alle aziende partecipate somme superiori a quelle previste da contratto di servizi essendosi provveduto a ripianare i debiti degli anni precedenti. Questo atto finanziario pertanto conferma un processo di messa in sicurezza del bilancio comunale e la gestione pubblica dei servizi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono particolarmente significative le riduzioni delle spese e, soprattutto, dei debiti fuori bilancio che scendono di ben 20 milioni. Restano sicuramente alcune criticità, determinate da una normativa nazionale che, ancor di più in piena emergenza Covid-19, mostra la sua inadeguatezza, immobilizzando centinaia di milioni di euro per gli accantonamenti e che invece potrebbero sostenere interventi concreti per le famiglie e le imprese. Questo bilancio evidenzia infine ancora una volta l'urgente necessità che il Consiglio comunale contribuisca con norme adeguate al contrasto all'evasione, concludendo la discussione già avviata sul nuovo regolamento contro questo fenomeno che ha assunto proporzioni insostenibili. Non si può infatti lasciare che a condizionare la vita finanziaria del Comune e la qualità dei suoi servizi siano quei cittadini che continuano a non pagare le tasse arrecando un danno a tutta la collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento