menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune, gli assessori Costumati e Piampiano si dimettono: Italia Viva fuori dalla Giunta

Il sindaco Leoluca Orlando ha accolto le dimissioni dei renziani. Questo l'epilogo della crisi politica che si è aperta dopo la bocciatura del piano triennale delle opere pubbliche. "Se non fossimo stati esclusi dalla Giunta politica di sabato - scrive Costumati - si sarebbero potute creare le condizioni per ricucire"

Gli assessori comunali in quota Italia Viva presentano le dimissioni e il sindaco Leoluca Orlando le accoglie. Toni Costumati, al quale il 22 marzo scorso erano state assegnate le deleghe ai Cimiteri, al Patrimonio e al Verde, e Leopoldo Piampiano, responsabile delle Attività produttive, escono così dalla Giunta. Dimissioni forzate dopo un confronto con il primo cittadino.

Di conseguenza, i renziani non faranno più parte della maggioranza in Consiglio: la perdita di 8 consiglieri (incluso il presidente Totò Orlando) non consente più al sindaco di avere i numeri a Sala delle Lapidi. Il Professore quindi proseguirà il suo mandato da sindaco di minoranza.

"A seguito del comportamento, delle dichiarazioni e delle proposte formulate dal gruppo consiliare Italia Viva, ho preso atto del documento di nove assessori in piena condivisione sulle mie stesse posizioni. Ho chiesto di conoscere le determinazioni degli alti due assessori. Toni Costumati mi ha presentato una motivata lettera di dimissioni nella quale manifesta le ragioni di disappunto per quanto si è creato anche in riferimento alla sua esperienza culturale e politica. Leopoldo Piampiano mi ha confermato, senza alcuna ulteriore considerazione, di riconoscersi pienamente nella posizione di Iv". E' quanto fa sapere il sindaco Orlando, annunciando che procederà "alla nomina dei nuovi assessori". Nomina attesa a breve. 

E' questo l'epilogo della spaccatura tra il sindaco e Italia Viva che si è consumata giovedì con la bocciatura del piano triennale opere pubbliche 2020-2022. Una bocciatura che ha aperto la crisi politica al Comune, con il sindaco che ha prima agevolato la decadenza del presidente della Rap Giuseppe Norata (renziano pure lui) e poi ha respinto la proposta di azzeramento della Giunta con un governo della città "modello Draghi" avanzata da Italia Viva; infine ieri ha dato l'aut aut ai due assessori. Che oggi hanno presentato le dimissioni. 

Costumati, assessore nominato soltanto 27 giorni fa, motiva così la sua scelta: "Se non fossimo stati esclusi dalla convocazione della Giunta politica di sabato pomeriggio - si legge in una lettera presentata al sindaco - ritengo che probabilmente si sarebbero create le condizioni per un tentativo di opportuna ricucitura. Gli aut aut o le provocatorie ed ovviamente improponibili proposte di governi di salute pubblica, nonché l'inasprimento eccessivo dei toni utilizzari da parte di tutti, hanno portato poi a questa implosione della situazione". 

"La mia nomina ad assessore comunale è stata proposta da Italia Viva, nonché condivisa dal sindaco che ha colto con entusiasmo l'indicazione del mio nome" scrive Costumati che, in condivisione con il partito, ha deciso di mollare. Anche se l'idea iniziale del partito era di resistere e farsi cacciare dal sindaco. "Per il mero rispetto della fiducia che i dirigenti di Italia Viva a Palermo hanno riposto nella mia persona - aggiunge - presento le mie dimissioni da assessore". Costumati infine sottolina "di non avere condiviso le modalità con cui è stata grestita questa situazione e per la quale avevo proposto, inascoltato, soluzioni di mediazione che avrebbero evitato la rottura improvvisa dei rapporti tra Iv e il sindaco, ma soprattutto avrebbero consentito di affrontare, ancora, tutti insieme le tante, troppe, emergenze che affliggono la nostra comunità cittadina".    

Anche Piampiano, altro ormai ex assessore renziano, come dice il sindaco, "ha confermato, senza alcuna ulteriore considerazione, di riconoscersi pienamente nella posizione di Italia Viva" e pertanto si è dimesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento