Politica

Comune, sì alla riassegnazione degli incarichi: nasce un ufficio ad hoc per la Tari

La Giunta guidata dal sindaco Leoluca Orlando ha approvato la delibera che riorganizza "l'assetto dei servizi dirigenziali". Tra esordi e accorpamenti ecco come cambia la burocrazia a Palazzo delle Aquile. A settembre si procederà con le nomine

Foto archivio

Nuova rivoluzione a Palazzo delle Aquile. La Giunta ha approvato la delibera che riorganizza "l'assetto dei servizi dirigenziali". Tradotto significa che vengono riassegnati incarichi e poltrone.

La prima novità è data dalla creazione dell'ufficio per le Relazioni istituzionali, avrà un dirigente fuori pianta organica e che si occuperà soprattutto del percorso arabo-normanno targato Unesco.

Scompare il servizio "Statistica", accorpato agli uffici del vice capo di gabinetto. Declassamento invece per le "Risorse umane", definite non più "area" ma settore. Percorso inverso invece per il "Patrimonio" e il "Cerimoniale", che diventano veri e propri "settori".

Nell’area del "Bilancio", scompare l’ufficio per il Contenzioso, la riscossione e lo sviluppo tecnologico ma nasce in compenso il servizio "Tari," con specifiche competenze nella lotta all'evasione, nel contenzioso e nella riscossione coattiva.

Dopo le polemiche delle scorse settimane per il trasferimento di alcuni cani dalla struttura di via Tiro a segno, le competenze relativa agli animali non saranno più dell'area "Verde", ma di "Ambiente e Sport".

Per la "Cultura" sparisce il servizio Bibliotecario, che viene accorpato all’archivio, e anche quello per le "Attività culturali". Nsce invece il servizio "Spazi etnoantropologici" (Pitrè, Palazzina cinese e Palazzo Tarallo).

Per la "Mobilità", nasce l'ufficio per il "Piano tecnico del traffico" e sparisce il servizio "Elettorato", le cui competenze vanno allo staff del capoarea. Si crea il servizio "Cimiteri" (con un proprio dirigente) mentre "Anagrafe" e "Stato civile" diventano una cosa sola.  Ridefinita anche la "Pianificazione territoriale", dove nasce l’ufficio amministrativo.

Stabilita la struttura, resta da capire chi si occuperà delle singole competenze. L'atto di interpello scade il 3 settembre, solo dopo si passerà alle nomine.Se la Giunta si è riunita. è invece saltata la riunione del Consiglio comunale. Rinviata quindi a settembre la discussione su alcuni temi rimasti insoluti: movida, piano della pubblicità, contratto di servizio dell'Amat, regolamento sui mercatini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, sì alla riassegnazione degli incarichi: nasce un ufficio ad hoc per la Tari

PalermoToday è in caricamento