rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Comune, Catania fa il bilancio di nove mesi da assessore: "Ottenuti risultati importanti"

Il responsabile di Ambiente e Mobilità affida ad un lungo post su Facebook l'attività svolta nei settori di sua competenza politica. "Pedonalizzazioni del Cassaro e doppio senso in via Roma alla grande!". La gestione pubblica dei rifiuti? "Scelta che contrasta chi puntava a privatizzazione"

Giusto Catania sceglie Facebook per rinvendicare, all'indomani di Natale, i risultati ottenuti in nove mesi da assessore comunale alla Mobilità e all'Ambiente. Lo fa con lungo post suddiviso in 15 punti, che ripercorrono i principali provvedimenti adottati nei settori dell'amministrazione sotto la sua competenza politica.

L'assessore sottolinea "l'impegno e la fatica di governare una città difficile come Palermo", aggiungendo che "non si è mai risparmiato" e ha ottenuto "risultati importanti, soprattutto per il futuro della città". Dal Piano regolatore generale al Pums (Piano urbano mobilità sostenibile) e ancora: la Ztl notturna deliberata dalla Giunta, la pedonalizzazione del secondo tratto di via Maqueda e del Cassaro basso, via Roma a doppio senso di circolazione che, scrive, "malgrado il coro di previsioni nefaste, sta funzionando alla grande!".

Per quanto riguarda i provvedimenti sulla mobilità non viene invece menzionata l'isola pedonale di via Ruggero Settimo, che sta sollevando un vespaio di polemiche. Con i cittadini infuriati per il traffico che ha reso impossibile la viabilità nei giorni feriali e il coro unanime delle opposizioni in Consiglio che ne hanno chiesto la sospensione.

L'elenco di Catania va avanti con la progettazione definitiva delle tre linee del tram e la promessa che "nel 2020 sarà indetta la gara d’appalto". "Inoltre - aggiunge - ad aprile 2020 altre quattro linee di tram potranno accedere al finanziamento ministeriale. Così tutta la rete tramviaria sarà completa".

Sul fronte del decoro cittadino, l'assessore all'Ambiente rinvendica la gestione pubblica dei rifiuti con "l'affidamento, per i prossimi quindici anni, del servizio di igiene ambientale contestualmente al nuovo contratto di servizio con Rap. Una scelta politica che contrasta fortemente con le pressioni politiche ed economiche di chi punta alla privatizzazione del servizio a partire dall’impianto e dalla discarica di Bellolampo". Infine menziona "la realizzazione dei Centri comunali di raccolta per favorire l’incremento della differenziata", "il piano che porterà la percentuale di raccolta di differenziata al 65% alla fine del 2022" e la ripresa dei lavori dell'Anello ferroviario "dopo anni di sofferenza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, Catania fa il bilancio di nove mesi da assessore: "Ottenuti risultati importanti"

PalermoToday è in caricamento