Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

L'affondo di Ferrandelli: "Amat sull'orlo del baratro, Orlando si dimetta"

Nella seconda trimestrale del 2018, l'azienda di trasporto pubblico perde 1,8 milioni di euro. Il consigliere d'opposizione: "Il fallimento è responsabilità del sindaco e dei suoi assessori e di politiche scellerate sulla mobilità"

Fabrizio Ferrandleli

“L’Amat è sul baratro e il tram sta trascinando l'azienda a fondo, le linee non sono sostenibili e bisogna immediatamente bloccare la progettazione delle nuove". A parlare, dai banchi dell'opposizione al Consiglio comunale, è Fabrizio Ferrandelli. 

Nella seconda trimestrale del 2018 (bilanci da aprile a giugno), l'Amat perde 1,8 milioni di euro. Una situazione di difficoltà cronica, che va oltre il taglio regionale del contributo del 2,7% rispetto all'anno scorso. Senza un piano di risanamento, l’azienda rischia il baratro. I costo del tram (3 milioni) è superiore alla perdita (1,8 milioni). Non c'è quindi la sostenibilità finanziaria.

Secondo Ferrandelli: "I disallineamenti dell’azienda però non hanno a che fare solo col passato, ma riguardano anche il 2017: il fallimento di Amat è responsabilità del sindaco e dei suoi assessori e di politiche scellerate sulla mobilità,come quelle della Ztl che si è rilevata una tassa nemmeno capientea coprire i costi del tram e che invece, così pensata, ha fatto chiudere centinaia di attività commerciali. Troviamo preoccupante il silenzio dell’azienda e dei sindacati: non capiscono cosa sta accadendo? Trovo più patologico dei debiti fuori bilancio (31 milioni quelli di tipologia E ed F) l’incapacità di pianificazione per porvi rimedio”.

Ferrandelli sottolinea poi che “Nel 2017 il disallineamento è salito a 70 milioni. Ai 42 milioni del 2016 si aggiungono quelli 2017 in gran parte per i conti di Amat e Rap. Inoltre, a causa della gestione fallimentare e all’incapacità di pianificazione, non ci è ancora dato conoscere come il sindaco, con il previsionale 2018 (anche se 8 mesi sono già trascorsi), intenda porvi rimedio. Noi un suggerimento lo avremmo – dice Ferrandelli - vada a casa e lasci fare a noi, che questi numeri li avevamo preannunciati già in campagna elettorale, quando il sindaco invece mistificava la realtà rassicurando i cittadini. Alle sue menzogne noi contrapponevamo i dati che si sono poi rivelati corretti.  Noi, al contrario, abbiamo avuto tutto il tempo di studiare soluzioni". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'affondo di Ferrandelli: "Amat sull'orlo del baratro, Orlando si dimetta"

PalermoToday è in caricamento