Politica

Periferie "divise" tra abusi edilizi e interventi di riqualificazione: Palermo promossa con riserva

La commissione parlamentare d'inchiesta ha effettuato un sopralluogo allo Zen, al campo Rom Parco della Favorita e all’ex chimica Arenella, passando per Brancaccio e Acqua dei Corsari. Il presidente Andrea Causin: "Bisogna non far sentire marginali o spazzatura i quartieri periferici"

La commissione parlamentare d'inchiesta sulle periferie a Palermo

La tre giorni di sopralluoghi della commissione parlamentare d’inchiesta sulle condizioni di sicurezza e degrado delle periferie si conclude con un bilancio positivo, nonostante le criticità. A commentare il tour tra il quartiere Zen, il campo Rom Parco della Favorita e l’ex chimica Arenella, passando per Brancaccio e parco Acqua dei Corsari, Andrea Causin, presidente della commissione: “Ci sono delle situazioni di difficoltà perché le persone si insinuano in abusi molto importanti dal punto di vista edilizio e infrastrutturale. C’è però una realtà oggettiva, che abbiamo visto in questi giorni, che consente di mitigare le difficoltà che sono legate soprattutto alle difficoltà di reddito, alla mancanza di occupazione, alla necessità a volte di compiere lavori illegali pur di portare avanti la famiglia”.

La tappa palermitana segue quelle di Roma, Napoli, Milano, Bologna, Bari e Torino. La delegazione ha poi incontrato il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori alla Rigenerazione Urbanistica, Emilio Arcuri e alla Cittadinanza Sociale, Giuseppe Mattina e il capo area della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture, Mario Li Castri. Secondo Causin “bisogna non far sentire marginali o spazzatura i quartieri che oggi sono definiti periferici. L’amministrazione sta cercando di farlo soprattutto attraverso i collegamenti di trasporto. Questa è un’intuizione molto interessante, anche se è un investimento a lungo termine”.

Tram promosso, dunque, così come le iniziative della cosiddetta "mobilità sostenibile" iniziata con l’ex assessore Giusto Catania. “L’amministrazione di Palermo, poi, ci ha elencato una serie di investimenti e interventi fattibili grazie ai fondi europei: in cantiere ci sono un sacco di misure che possono cambiare il  volto della città e delle periferie. Col questore, col prefetto, inoltre, c’è un ottimo coordinamento, sintomo che la strada è quella giusta. I reati ordinari infine sono in forte diminuzione, segno che le forze dell’ordine stanno facendo un buon lavoro”. 

Orlando ha illustrato i dettagli tecnici degli interventi previsti  per le periferie nord e sud della città, con i fondi del “Piano Periferie” e del Pon Metro e ha espresso il proprio apprezzamento per l’iniziativa politica assunta dalla commissione che “mette al centro dell’agenda istituzionale e dell’attività amministrativa il tema delle periferie e delle marginalità, non soltanto in termini geografici ma anche in termini sociali e di qualità della vita. Mi auguro - ha concluso Orlando - che questa attenzione si trasformi in un’attività di semplificazione della burocrazia e delle procedure che oggi, spesso, rendono complessa l’attuazione di piani e programmi ambiziosi come sono, appunto, quelli del Comune di Palermo per le tante periferie della città”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Periferie "divise" tra abusi edilizi e interventi di riqualificazione: Palermo promossa con riserva

PalermoToday è in caricamento