rotate-mobile
Politica Termini Imerese

Termini Imerese, Consiglio comunale dice sì: cittadinanza onoraria per Liliana Segre 

Il riconoscimento è stato il frutto di una raccolta di firme lanciata dall'Anpi con il sostegno della Cgil

Sì alla cittadinanza onoraria di Termini Imerese alla senatrice Liliana Segre, superstite dell’Olocausto e oggi sotto scorta per essere stata minacciata e insultata. Il riconoscimento, deliberato in questi giorni dal consiglio comunale che si è espresso all'unanimità, è stato il frutto di una raccolta firme lanciata dall'Anpi, sezione Girolamo Li Causi di Termini, col sostegno anche della Cgil.

“E’ un fatto - dichiara Laura Di Martino responsabile della Camera del lavoro zonale di Termini Imerese - estremamente importante, soprattutto in questo momento storico dove continuano a registrarsi episodi di odio e violenza nel nostro Paese. Il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice Segre è un atto che diffonde la cultura antifascista e antirazzista, che da sempre appartiene alla nostra organizzazione”.

Il riconoscimento è stato deciso per riconoscere a Liliana Segre i suoi alti meriti nel campo del sapere, della convivenza, della solidarietà umana e per il ruolo svolto in Senato dove ha presentato diverse mozioni e interrogazioni per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo, istigazione all'odio e contro la violenza sulle donne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini Imerese, Consiglio comunale dice sì: cittadinanza onoraria per Liliana Segre 

PalermoToday è in caricamento