Scartato Marchese: Orlando nomina il comandante dei vigili commissario dei cimiteri

Il sindaco ha assegnato l'incarico a Vincenzo Messina fino al 15 luglio. Inversione a "U" dopo la richiesta avanzata da Marchese di tornare in via Dogali. Presunte incompatibilità? "Perché nel 2012 quando sono diventato responsabile dei campisanti nessuno disse niente?"

Vincenzo Messina

Il sindaco Leoluca Orlando ha conferito al comandante dei vigili urbani Vincenzo Messina l'incarico di responsabile ad interim del Servizio Cimiteri fino al prossimo 15 luglio. Contestualmente, il primo cittadino ha revocato l'incarico al dirigente Roberto Raineri. E' quanto apprende PalermoToday in anteprima.

Scartato quindi il nome di Gabriele Marchese, che Orlando aveva annunciato la settimana scorsa con una conferenza stampa in pompa magna. Dietro l'inversione a "U" sul nome di Marchese, ci sarebbe la richiesta avanzata dallo stesso dirigente comunale direttamente al sindaco: e cioè tornare alla guida del comando della polizia municipale (ruolo dal quale è stato rimosso nel giugno del 2019). O in alternativa, come spiegato dallo stesso Marchese sempre a PalermoToday, "di nominare l'attuale comandante dei vigili urbani, perché solo con la veste di polizia giudiziaria si può intervenire efficacemente in un settore così delicato come quello dei cimiteri. Altrimenti è una presa in giro alla città".

Marchese aveva già inviato all'amministrazione la dichiarazione di non incompatibilità e inconferibilità dell'incarico. Un'autocertificazione diventata un caso perché, fanno sapere sempre fonti vicine al sindaco, "nella lettera trasmessa all'amministrazione Marchese non cita incompatibilità riguardanti i cimiteri, ma fa una dichiarazione in qualità di segretario generale e responsabile all'Innovazione. Sulla base di ciò non è nominabile. Ne avrebbe dovuta fare un'altra". Replica Marchese: "Nessuno me l'ha chiesto, in tutti i casi l'avrei fatta. Io ho risposto ad una richiesta di disponibilità e l'ho fatto indicando i miei attuali incarichi".

La presunta incompatibilità dell'ex comandante, sostituito a giugno scorso proprio da Messina, sarebbe dovuta al fatto che un suo cugino ha sposato una componente della famiglia Lo Cicero, destinataria di una confisca da 27 milioni per l'accusa di aver gestito il racket delle sepolture ai Rotoli.

"La notizia è nota. Era così anche nel 2012, quando Orlando mi ha nominato dirigente dei Servizi cimiteriali. Perché allora nessuno disse niente?" domanda Marchese, che rincara la dose: "Nel 2015 ho revocato ai Lo Cicero una sepoltura da 50 posti per gestione irregolare e ne ho disposto lo svuotamento. Ebbene, mi risulta che a distanza di anni la Reset non abbia provveduto a togliere le salme da questa sepoltura. Quindi il problema sarei io?". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto, con la nomina del comandante Messina, Marchese si avvia alla pensione dopo oltre 41 anni di servizio al Comune. L'attuale vicesegretario generale sarà in quiescenza dall'1 aprile. Una precisazione però ci tiene a farla: "Non ho mai chiesto la testa del comandante Vincenzo Messina e di nessun altro, perché ho grande stima dei miei colleghi. Anzi, sono contento perché Orlando ha seguito la mia indicazione. Viene quindi nominata una persona valida e con i giusti poteri", conclude Marchese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento