"Lorenzin visiti la struttura di Petralia": il M5S contro la chiusura del punto nascite

Con un'interrogazione depositata a Montecitorio e una lettera a firma della deputata alla Camera Giulia Di Vita, i pentastellati chiedono alla titolare del dicastero della Salute di riaprire la struttura

Foto archivio

Un'interrogazione depositata a Montecitorio e una lettera a firma della deputata Giulia Di Vita, sottoscritta dai colleghi della commissione Affari sociali, dai deputati palermitani di Camera e Ars e dalla deputata a Montecitorio Azzurra Cancelleri. Così il Movimento Cinque Stelle torna a chiedere al ministro della Salute Beatrice Lorenzin di rivedere la decisione di chiudere il punto nascite di Petralia Sottana.

La chiusura della struttura ha generato molte polemiche e la netta presa di posizione dei sindaci del comprensorio. Le iniziative messe in campo non hanno però, finora, portato a un dietrofront da parte del ministro.

LEGGI ANCHE: Lorenzin ai sindaci: "La struttura non è sicura"

Lettera e atto parlamentare ripercorrono un lungo elenco di motivazioni che la titolare del dicastero della Salute "dovrebbe prendere in considerazione - dicono i Cinquestelle - per scongiurare potenziali pericoli per la salute che per le popolazioni madonite potrebbero arrivare dalla chiusura della struttura, anche in considerazione della mancata attivazione del previsto sistema di trasporto assistito materno (Stam) e in emergenza del neonato (Sten)".

“Riteniamo – scrivono i deputati nelle missiva – che fin quando la Regione non avrà provveduto a fare partire il sistema di trasporto, il ministero non debba voltare lo sguardo altrove, disponendo sic et simpliciter la chiusura di un punto nascita cruciale, proprio perché situato in una zona territorialmente disagiata”. “La chiusura della struttura di Petralia Sottana – afferma Giulia Di Vita - costringerà le partorienti dei comuni madoniti ad affrontare viaggi non certo agevoli, pieni di curve e con trasferte anche di 2 ore per raggiungere Palermo o Termini Imerese, considerato che anche il più vicino punto nascita di Cefalù è a rischio chiusura a fine 2016. Invitiamo pertanto il ministro a recarsi personalmente, e quanto prima, a visitare il territorio in questione, in modo da fare i necessari sopralluoghi e sincerarsi dell'opportunità e congruità della misura adottata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'interrogazione sottolinea, inoltre,"come la chiusura del punto nascita di Petralia costituirebbe una disparità di trattamento rispetto ad altri punti nascita, 'salvati', - secondo quanto affermato da numerosi esponenti della stessa maggioranza di governo – in ossequio ad una decisione 'figlia' di possibili logiche campanilistiche e di appartenenza politica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Ditta privata danneggia conduttura, mezza città senz'acqua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento