Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

Chiusura pronto soccorso ospedale Cervello, Di Piazza (Forza Italia): "Aree emergenza, la politica cambi passo"

La nota del biologo, membro del Comitato Scientifico del Centro Europeo Medicina delle Catastrofi e Responsabile Regionale del Dipartimento Maxi Emergenze di Forza Italia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Apprezziamo il senso d’urgenza del Presidente Schifani e dell’Assessore Volo, tuttavia Il nostro pensiero è sempre rivolto alle persone che rischiano di perdere la vita a causa di interventi tardivi: ed è indispensabile che la politica cambi passo rispetto alla riorganizzazione delle aree di emergenza”. Lo scrive in una nota il biologo Maurizio Di Piazza, membro del Comitato Scientifico del Centro Europeo Medicina delle Catastrofi e Responsabile Regionale del Dipartimento Maxi Emergenze di Forza Italia, a proposito della chiusura per ristrutturazione del pronto soccorso dell’Ospedale Cervello di Palermo.

“Eravamo certi che si sarebbe trovata in tempi rapidi una soluzione utile per consentire la chiusura del pronto soccorso dell’ospedale “Cervello”, senza che questa gravi sulle altre aree di emergenza dell’area metropolitana di Palermo, ma il solo incremento della superficie operativa del pronto soccorso di Villa Sofia, non risolve le difficoltà che, i cittadini/pazienti della zona ovest della città di Palermo, ma anche quelli della zona costiera della città metropolitana, avranno per le ataviche problematiche di percorribilità che caratterizzano la città di Palermo, con notevoli rischi di divenire critica nel caso di necessità di interventi tempo-dipendenti come nel caso di ictus o infarto. Ritenere di risolvere il problema solo attraverso l’impegno della Direzione dell’Azienda Villa Sofia Cervello, a cui va tutta la nostra stima, o attraverso l’impegno dell’Assessore e dei Dirigenti e funzionari dell’Assessorato della Salute - continua Di Piazza - è importante ed encomiabile, ma rischia di essere insufficiente, se non verrà contemporaneamente assicurato che tutti gli attori del sistema siano organizzati e coordinati per rispondere meglio alle esigenze e alle peculiarità dei territori. Se queste attività saranno svolte in modo scoordinato, o in misura limitata, è evidente che non potremo mai raggiungere i risultati attesi. Forza Italia è in grado di presentare un proprio progetto, con la consapevolezza che una efficiente organizzazione delle aree di emergenza, sia un problema non limitato alla sola Regione Siciliana e che certamente non sarà possibile affrontarlo solo con misure regionali o locali, a cui bisogna invece affiancare una riprogettazione organizzativa e strutturale a carattere nazionale eventualmente dotandola di una linea di finanziamento dedicata. Occorre infine sottolineare – conclude Di Piazza - che sotto questo profilo, sarà determinante il dialogo tra il Presidente della Regione ed il Governo Nazionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura pronto soccorso ospedale Cervello, Di Piazza (Forza Italia): "Aree emergenza, la politica cambi passo"
PalermoToday è in caricamento