Politica

Bellolampo, il "piano B" della Rap: senza deroghe rifiuti in discariche fuori provincia

Lo ha annunciato l'amministratore unico Giuseppe Norata: "Cercheremo di evitare questo ulteriore disagio alla città. Discarica al limite della capienza, stasera raggiungeremo il limite possibile". Il Comune diffida la Regione: "Subito la variante alla sesta vasca, ognuno si assuma le proprie responsabilità"

L'amministratore unico della Rap Giuseppe Norata

Se non dovesse arrivare dalla Regione l'autorizzazione all'ampliamento della sesta vasca di Bellolampo oppure il sindaco Orlando non dovesse intervenire per consentire una deroga al conferimento in discarica, la Rap ha un "piano B". "Imballare i rifiuti e trasferirli fuori dal contesto provinciale". Lo ha detto a PalermoToday Giuseppe Norata, amministratore unico della Rap.

Ballarò, al via la differenziata

Fino a oggi sarà possibile abbancare immondizia a Bellolampo. Da stasera la sesta vasca avrà "raggiunto il limite possibile" di capienza. Visti i ritardi sul fronte delle autorizzazioni, l'azienda ha già studiato un'exit strategy: andare a conferire in altre discariche attive in Sicilia. Circostanza che comporterebbe un aggravio di costi e che Norata vorrebbe evitare: "Cerceremo di non arrecare questo ulteriore disagio alla città". 

Intanto il Comune diffida la Regione. Nella missiva firmata dal vicesindaco Sergio Marino, che ha la delega alle Partecipate, si sottolinea che "il percorso autorizzativo della variante sostanziale della sesta vasca, non ancora approvata, ci porta adesso alle soglie di un'emergenza la cui risoluzione non può che competere a codesta Regione anche, e soprattutto, in ragione dei poteri commissariali conferitele in materia impiantistica". Il Comune, quindi, "diffida la Regione ad emanare apposita ordinanza, come richiesto da Rap, nelle more dell’approvazione della variante alla sesta vasca il cui iter fa capo alle strutture regionali interessate". E ciò per fare in modo che venga evitata l’emergenza e si consenta alla Rap "di garantire lo smaltimento dei propri rifiuti senza dover ricorrere a soluzioni estreme che, si ricorda, non possono che vedere il diretto coinvolgimento delle strutture commissariali".

I sindacati: "Senza soluzioni immediate sarà emergenza sanitaria“

"Negli anni e mesi scorsi - aggiunge il sindaco Leoluca Orlando - il Comune e la Rap hanno sempre mostrato nei confronti della Regione un grande senso di responsabilità e sensibilità istituzionale, accettando che la discarica di Bellolampo venisse usata da decine di altri comuni per sottrarli all'emergenza. Oggi non riscontriamo analoga attenzione da parte della struttura regionale, che anzi sembra impegnata a non valorizzare l'unica realtà pubblica della nostra Isola. Ora è tempo che ognuno si assuma le proprie responsabilità, speriamo non soltanto per motivi formali ma soprattutto per sensibilità politica e istituzionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questa notte - conclude Norata - è stato dato mandato di effettuare il servizio regolarmente ed eventualmente lasciare carichi i compattatori qualora, non potessero accedere in discarica.  Si auspica che domani mattina, come già sollecitato dal vicesindaco Sergio Marino, venga emanata da parte del presidente della Regione apposita ordinanza per evitare che si possa bloccare definitivamente il conferimento dei rifiuti dell' indifferenziato  a Bellolampo con la ricaduta a cascata sul servizio di raccolta in tutta la città".

Figuccia: “Il Gattopardo è una verità siciliana”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellolampo, il "piano B" della Rap: senza deroghe rifiuti in discariche fuori provincia

PalermoToday è in caricamento