Centro direzionale della Regione, sì dell'Ars: in un mega palazzo tutti gli assessorati

L'investimento per l'opera è stato stimato in 500 milioni, da reperire con la dismissione degli attuali affitti. Sull'ubicazione sarà il Consiglio comunale a pronunciarsi. Caronia a Orlando: "Non si svilisca Sala delle Lapidi". I "Figuccias": "Non diventi l'ennesimo cantiere infinito"

Il rendering del Centro direzionale della Regione

Dall'Ars arriva l'ok al Centro direzionale della Regione: un unico mega palazzo che dovrebbe ospitare gli uffici di tutti e dodici gli assessorati, oggi sparsi in più punti della città. Con l'approvazione dell'articolo 2 del collegato alla finanziaria, Sala d'Ercole apre la strada alla realizzazione dell'opera, ma non entra nel merito dell'ubicazione. Decisione che spetta al Consiglio comunale, chiamato a pronunciarsi entro 120 giorni dalla trasmissione del deliberato da parte della Regione. 

L'investimento per il Centro direzionale è stato stimato in 500 milioni di euro, che dovrebbe essere finanziato attraverso la dismissione degli affitti che attualmente costano alla Regione circa 27 milioni all'anno. La norma contenuta nel collegato trascrive una serie di disposizioni di legge in materia urbanistica, edilizia ed ambientale tali da permettere tutte le modifiche ai piani regolatori e non solo a quelli necessari per la realizzazione dell’opera. "Fino ad oggi la Regione ha interloquito correttamente, ma unicamente, con il Comune rappresentato dal sindaco. Non è accettabile che da parte dell'amministrazione non vi sia stata né la sensibiltà istituzionale né l'attenzione politica a coinvolgere il Consiglio e la commissione Urbanistica su un progetto da circa 500 milioni, che avrà un impatto enorme sulla struttura urbanistica e sulla viabilità di una vasta zona della città". A dirlo è il deputato e consigliere comunale, Marianna Caronia, che ha presentato degli emenadamenti che mirano a "garantire e tutelare il ruolo istituzionale di Sala delle Lapidi, che Orlando vorrebbe invece svilire".

"Il Consiglio - aggiunge - non può essere spettatore delle scelte di pianificazione". Plaude al governo regionale e all'assessore al Bilancio, Gaetano Armao, il parlamentare dell'Udc Vincenzo Figuccia, secondo il quale "la nascita del Centro direzionale rivoluzionerà positivamente la mobilità cittadina, con uno spazio di comfort per i siciliani che non dovranno vedersi più sballottati da una parte all'altra della città per interfacciarsi con l'amministrazione regionale". Gli fa eco la sorella Sabrina, consigliere comunale, che conclude: "Lungi da quanto avviene a Palermo per altre progettualità, auspico una rapida realizzazione di questo strategico agglomerato. Ecco perché chiederemo al sindaco Orlando un impegno serio affinché il Centro direzionale della Regione non diventi l'ennesimo cantiere infinito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

Torna su
PalermoToday è in caricamento