rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Politica

Ars, mozione di censura al governo? Il centrodestra propone, il M5S valuta

Al centro la vicenda relativa alla "spesa lumaca" dei fondi comunitari in Sicilia. Cancelleri: "Le critiche mi sembrano condivisibili, la spesa lentissima è dato oggettivo". E anche Ferrandelli non esclude la firma

Acque agitate intorno al governo Crocetta. Una mozione di censura nei confronti dell'esecutivo regionale guidato da Rosario Crocetta potrebbe mettere d'accordo all'Ars il centrodestra e il Movimento 5 Stelle. L'idea è nata questa mattina, durante una conferenza stampa convocata da Pdl, Pid, Lista Musumeci e Pds-Mpa sulla ''spesa lumaca'' dei fondi comunitari in Sicilia. Ma all'incontro delle forze d'opposizione mancavano gli esponenti 5 Stelle. ''Un errore banale, ci siamo dimenticati di invitarli'', hanno detto gli organizzatori. ''Penso sia andata così - conferma Giancarlo Cancelleri, capogruppo all'Ars dei 5 Stelle - ci hanno chiesto scusa, è tutto chiarito. Quanto alla mozione di censura, innanzitutto prima di annunciare la mia firma intendo leggerla e capire come sarà strutturata. Ma le critiche del centrodestra nei confronti del governo mi sembrano condivisibili: la spesa lentissima dei fondi comunitari è un dato oggettivo''.

Ma gli appunti dei grillini nei confronti di Crocetta proseguono: ''Il governo deve smetterla con questo atteggiamento autoreferenziale, noi non siamo 'ratificatori di leggi' che il governo ci propone, e possiamo limitarci a dire 'si' o 'no'. Penso al caso della legge sull'acqua: c'era un ddl di iniziativa popolare e la giunta lo ha voluto scavalcare con un proprio testo, non mi sembra rispettoso della volonta' dei cittadini''. Insomma, le premesse per una mozione di censura ''ampiamente condivisa'' ci sono, e per i 5 stelle firmarla insieme con il Pdl non sarebbe un tabù. ''Assolutamente no, se può essere uno stimolo per spingere il governatore Crocetta e la sua giunta a lavorare meglio, ben venga''. Numericamente i deputati dei gruppi che potrebbero firmare la mozione sarebbero circa 40 su 90: ma anche in caso di approvazione, non ci sarebbero conseguenze dirette e ''formali'' per il governo: la censura infatti è un ''atto politico''. Solo l' approvazione di una mozione di sfiducia determinerebbe lo scioglimento dell'Assemblea.

Nel pomeriggio anche il deputato del Pd Fabrizio Ferrandelli non ha escluso la sua firma: “Se la mozione di censura nei confronti del governo regionale servisse a fare di più per la Sicilia - ha detto Ferrandelli - non avrei problemi a firmarla, a prescindere da chi sono gli altri partiti o deputati che la sostengono. Se un atto è proposto nell’interesse dei siciliani, ben venga”. Ed ha aggiunto:  “Voglio aspettare di leggere la mozione, che mi auguro nasca con uno spirito propositivo, ‘per i siciliani’ e non ‘contro qualcuno’, ma è evidente che si può e si deve fare di più per la nostra isola. Non è un segreto: non sono soddisfatto della gestione amministrativa della Regione e sostengo la necessità di dar vita ad un governo politico, in grado di essere presente rispetto all’urgenza dei problemi da affrontare". E conclude: "Se una mozione può essere utile in questo senso, la firmerò”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ars, mozione di censura al governo? Il centrodestra propone, il M5S valuta

PalermoToday è in caricamento