Orlando: "Salvini vuole trasformare le aule del Tribunale in un improvvisato Papeete"

Domani l’ex ministro dell’Interno dovrà presentarsi davanti al giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Catania per difendersi dall’accusa di sequestro di persona aggravato per aver impedito a 131 persone di sbarcare in Italia dopo essere state soccorse dalla Gregoretti

Orlando e Salvini

Domani l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini dovrà presentarsi davanti al giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Catania per difendersi dall’accusa di sequestro di persona aggravato per aver impedito a 131 persone di sbarcare in Italia dopo essere state soccorse dalla nave della guardia costiera italiana Gregoretti nel luglio del 2019. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che anche questa volta non risparmia stoccate nei confronti di Salvini.

"La manifestazione di domani a Catania, in pieno silenzio elettorale per le amministrative siciliane e per i ballottaggi nazionali - dice il primo cittadino - è conferma dello spirito eversivo che sempre più anima la destra italiana. Il tentativo di trasformare le aule del Tribunale in un improvvisato Papeete è un fatto di estrema gravità. In Sicilia assume un sapore ancora più preoccupante, perché sempre e comunque, qui più che altrove gli attacchi alla Magistratura rischiano di lanciare messaggi inquietanti. A meno che non sia esattamente ciò Salvini vuole". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento