Politica Bagheria

Caos rifiuti, sindaco Bagheria diffida la Regione: "Scarsa programmazione ci crea danno immagine"

Dopo la saturazione della discarica di Alcamo, che aveva chiuso i cancelli agli autocompattatori bagheresi, la cittadina si è trovata in emergenza. Il primo cittadino: "La differenziata qui è al 52 per cento ma dal 7 novembre la città si è trovata bloccata non per colpa del Comune"

Il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli, diffida la Regione per danno all'immagine della città. Dopo la saturazione della discarica di Alcamo, che aveva chiuso i cancelli agli autocompattatori bagheresi e di altri Comuni e le disposizioni emergenziali che consentono il conferimento di sole 25 tonnellate nella discarica di Trapani, Bagheria si è trovata a fronteggiare l'emergenza rifiuti.

"La raccolta differenziata a Bagheria è pari a 52 per cento ma dal 7 novembre a causa di una scarsa programmazione della Regione - dice il sindaco -, la città si è trovata bloccata per il conferimento dei rifiuti indifferenziati in discarica e, nonostante gli enormi sacrifici e la grande disponibilità dei residenti che hanno collaborato aumentando la percentuale di rifiuti differenziati, era assolutamente prevedibile che si verificassero dei cumuli di immondizia dettati dagli abbandoni. Questo ha procurato un danno all'immagine della città, non creato dall'amministrazione comunale, ed è per questo che ho deciso di diffidare la Regione per danno all'immagine".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos rifiuti, sindaco Bagheria diffida la Regione: "Scarsa programmazione ci crea danno immagine"

PalermoToday è in caricamento