Campi estivi nei beni confiscati, Aiello (M5S): "Iniziativa che unisce educazione e antimafia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Trasmettere i valori dell’antimafia ai più giovani, rendendoli consapevoli di quanto la società civile e lo Stato possano fare se uniti e consapevoli, è fondamentale per proseguire il lavoro di contrasto alla criminalità organizzata e alla cultura mafiosa nel nostro Paese”. Lo dichiara in una nota il Deputato del M5S Davide Aiello capogruppo in commissione nazionale antimafia.

“Ed è proprio questo l’obiettivo del progetto pilota nato dalla collaborazione fra Ministero dell’Istruzione e Presidenza della Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie. I beni confiscati alla mafia in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia diventeranno sede di campi estivi gratuiti per mille fra studentesse e studenti. Il progetto è stato presentato oggi a Locri, in Calabria, dove il campo sarà ospitato presso lOstello Locride, gestito dal consorzio sociale Goel. Grazie alla collaborazione tra la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra e il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, questo progetto è solo l’inizio di un percorso che unisce l’educazione dei giovani ai valori dell’antimafia” conclude.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento