Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Intesa Governo-call center, Orlando: "Successo di azione corale lavoratori e amministrazione"

Secondo l'accordo firmato dal governo nazionale, l'80% dell'attività dei call center resti in Italia e l'aggiudicazione delle gare terrà conto di alcuni vincoli di carattere sociale

"La sottoscrizione del protocollo sui call center tra il presidente del Consiglio e le più grandi imprese italiane è un fatto di enorme rilievo che accoglie le richieste di decine di migliaia tra lavoratrici e lavoratori e stende una "cintura di sicurezza"  sul Mezzogiorno e, per quanto ci riguarda, Palermo". Lo dicono il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alle Attività produttive, Giovanna Marano, in merito all'intesa firmata ieri dall'esecutivo. L'accordo prevede che l'80% dell'attività dei call center dovrà restare in Italia e l'aggiudicazione delle gare terrà conto di alcuni vincoli di carattere sociale.

Secondo Orlando e Marano "sono temi che da anni hanno suscitato grande preoccupazione, che hanno mantenuto precario un settore importante della nostra città e consegnato ad imprese fortemente speculative un settore delicato. A guadagnare sono anche gli utenti, perché si ferma la vera e propria emorragia di dati privati sensibili verso paesi a basso tasso di democrazia e scarsa vigilanza sulla privacy; l'attività di call center può tornare ad essere un settore nel quale vale la pena investire. Questo è il risultato di tante battaglie condotte dalle lavoratrici e dai lavoratori, primi fra tutti quelli di Almaviva e 4U. Anche col supporto anche dell'Asmministrazione comunale  - concludono Orlando e Marano - oggi è possibile raggiungere quella soglia di dignità altrimenti in discussione. Tutti questi lavoratori e lavoratrici se lo sono proprio meritato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intesa Governo-call center, Orlando: "Successo di azione corale lavoratori e amministrazione"

PalermoToday è in caricamento