Brancaccio, Varrica (M5S): "Recuperati 5 milioni per conversione ex Poste in scuola"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Via libera da Palazzo Chigi alla riprogrammazione delle risorse chiesta dal deputato Varrica per la conversione dell’ex Poste di Brancaccio in polo scolastico. L'intervento, inserito nel programma "Periferie" del 2016 da parte della Città metropolitana di Palermo, era ad un vicolo cieco e a rischio in quanto al termine della progettazione definitiva era emersa la necessità di un fabbisogno di ulteriori 7 milioni di euro rispetto ai 15 già stanziati.

Le nuove norme tecniche di costruzione e relative al rischio sismico hanno imposto la rivisitazione della soluzione progettuale che in origine prevedeva la riqualificazione delle strutture esistenti dell'ex Centro delle Poste mentre adesso si interverrà con l'abbattimento e la ricostruzione. Lo scorso novembre il deputato Adriano Varrica aveva promosso con la Città metropolitana l'iniziativa di riprogrammazione delle risorse, ottenendo il via libera dala Presidenza del Consiglio dei Ministri nella giornata di ieri.

"Lo scorso ottobre - spiega Adriano Varrica - con la redazione del progetto definitivo del polo scolastico di Brancaccio, ci siamo trovati di fronte alla necessità di reperire ulteriori 7 milioni di euro, senza i quali avremmo perso anche i 15 che erano stati assegnati alla Città metropolitana col programma 'Periferie' e che già una volta eravamo riusciti a salvare con una proroga ad inizio 2020. Lo scorso novembre - continua il deputato cinquestelle - ho rappresentato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte la necessità di intervenire per salvaguardare il polo scolastico di Brancaccio. Ho riscontrato una immediata e piena condivisione di intenti che si è concretizzata in un percorso per il recupero di oltre 5 milioni di euro non utilizzati da parte della Città metropolitana di Palermo che, pur nelle difficoltà connesse al cambio di Governo, siamo riusciti a portare a termine ieri. Le risorse residuali eventualmente necessarie, ammontanti a circa 2 milioni di euro, verranno reperite nel bilancio della Città metropolitana e in questa maniera si potranno utilizzare per la riqualificazione di tante altre scuole i 21 milioni di fondi ministeriali che sono stati assegnati a marzo e per i quali domani l'ente presenterà istanza". 

"Voglio ringraziare gli uffici della Città metropolitana di Palermo e il sindaco coi quali ho lavorato in piena sinergia istituzionale e nella massima condivisione di un obiettivo strategico per il futuro del quartiere di Brancaccio e dunque dell'intera città - conclude l’esponente del Movimento 5 Stelle -. Adesso dovremo correre per ultimare l'iter autorizzativo con la convocazione della conferenza di servizi, la redazione del progetto esecutivo e la gara".

Torna su
PalermoToday è in caricamento