rotate-mobile
Politica

Bilancio consolidato approvato in extremis, è polemica: "Regole aggirate e Consiglio delegittimato"

Amella: "Impedito ai legittimi interlocutori di ricevere preventivamente le informazioni necessarie per l’esercizio del proprio mandato". Progetto Palermo: "Ci siamo ritrovati di fronte a un ritardo inspiegabile e colpevole, che ha rischiato di vanificare il processo di stabilizzazione di circa 300 lavoratori"

L'approvazione in extremis del bilancio consolidato da parte del Consiglio comunale scatena le polemiche. L'atto è passato fra le perplessità espresse dal ragioniere generale - e non solo - anche perché se non fosse arrivato il via libera sarebbero saltate diverse assunzioni fra le quali quelle dei 54 assistenti sociali. Le opposizioni, pur accogliendo con favore le stabilizzazioni, mostrano disappunto per come si è arrivati al risultato.

Concetta Amella, consigliere e componente della III Commissione consiliare, attacca: "Le finalità erano condivisibili, ma non si può che rilevare l’improvvisazione, il pressappochismo e l’arroganza con cui l'amministrazione attiva ha portato con estremo ritardo in Consiglio un atto che si sarebbe dovuto approvare entro il 30 settembre. In nome di un obiettivo è stato aggirato lo statuto, il regolamento e il ruolo del Consiglio comunale, delegittimandolo.  Così è stato impedito ai legittimi interlocutori, cioè ai consiglieri, di ricevere preventivamente le informazioni -  relazione e parere del collegio dei revisori, di norma obbligatori - necessarie per l’esercizio del proprio mandato".

"Ci siamo ritrovati di fronte a un ritardo inspiegabile e colpevole, che ha rischiato di vanificare il processo di stabilizzazione di circa 300 lavoratori e delle lavoratrici che forniscono servizi essenziali per la città per l'assistenza sociale e nell'area della scuola", dichiarano i consiglieri e le consigliere comunali del gruppo Progetto Palermo. "Per questo e con grande senso di responsabilità - proseguono - non abbiamo mai fatto mancare il nostro contributo in termini di presenza e proposte, adoperandoci attivamente per un percorso iniziato dalla scorsa amministrazione e che finalmente oggi vede luce. L'approvazione last minute del consolidato - aggiungono i consiglieri di Progetto Palermo - è la conferma del fatto che il continuo rinvio a presunti e fin qui non concretizzati accordi con il Governo nazionale sta distraendo un po’ troppo l’amministrazione da tutto quello che di altrettanto urgente e utile si può fare qui e ora per risolvere i problemi della città".

Esprimono invece soddisfazione per l'approvazione del bilancio consolidato Luisella Lionti, segretaria generale della Uil Sicilia, insieme al segretario provinciale Ilioneo Martinez e alla segretaria aziendale Rosalia La Mattina della Uil Fpl: “E' stata data finalmente una riposta concreta ai lavoratori. E' prevista, infatti, la stabilizzazione di 54 assistenti sociali e di sette rendicontatori. Ma sarà anche possibile stipulare dei contratti per il settore delle attività sociali e degli asili nido. E infine aumentare le ore per rendere finalmente full time tutti i lavoratori e pensare alle progressioni di carriera. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro costante del sindacato che con il primo cittadino Lagalla ha avviato un confronto per dare finalmente risposte alle tante emergenze di questa città. La Uil continuerà ad essere attenta e propositiva sempre nell’interesse di tutti i lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio consolidato approvato in extremis, è polemica: "Regole aggirate e Consiglio delegittimato"

PalermoToday è in caricamento