Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

Beni confiscati, il presidente della commissione Antimafia: "Occorre il tagliando alla legge sul riutilizzo sociale" 

Per Antonello Cracolici "serve un'autorità politica che si assuma la responsabilità della gestione e questa non può essere l'Agenzia nazionale dei beni confiscati"

"Occorre rivedere la legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati verificando i colli di bottiglia sull'assegnazione: dopo 27 anni c'è la necessità di fare una sorta di 'tagliando', partendo dal fatto che questa materia non può essere gestita come una pratica amministrativa o burocratica da parte dello Stato. Perchè, ad esempio, non pensare a un'assegnazione temporanea per i beni confiscati in attesa di essere destinati? Mai come ora abbiamo bisogno di una legge che parta dalla conoscenza dei problemi sul campo e che ci deve supportare nel dare soluzioni possibili a un contesto complicato ma che va cambiato". Lo ha detto il presidente della commissione regionale Antimafia, Antonello Cracolici, intervenendo al convegno 'Sono beni comuni' organizzato a Catania da Auser, Cgil e associazioni.

“Se vogliamo dare valore all'intuizione di Pio La Torre - ha aggiunto Cracolici - dobbiamo avere un'autorità politica che si assuma la responsabilità della gestione e questa non può essere l'Agenzia nazionale dei beni confiscati. Occorre ammettere che l'Italia ha la più grande agenzia immobiliare, che è l'agenzia dei beni confiscati, che è però prigioniera del suo sistema burocratico. Dobbiamo rompere l'immobilismo e creare maggiore pressione territoriale, attraverso dei comitati, provincia per provincia, che comprendano terzo settore. Comuni e prefetture che conoscano i beni, altrimenti questi muoiono tra le carte burocratiche. C'è infatti il problema delle competenze nella gestione del bene, necessarie per ridare valore alla restituzione sociale, gestione che invece, il più delle volte, appare improvvisata". 

Cracolici ha auspicato anche una riforma dei criteri di assegnazione "attraverso un regolamento uniforme che superi la frammentazione dei regolamenti comunali esistenti. Tutto questo sarebbe più semplice se avessimo come interfaccia una commissione nazionale antimafia che ancora non esiste. Del resto, se questo Paese avesse una tensione alta o quantomeno media sui temi della legalità - ha concluso il presidente della commissione Antimafia dell'Ars - difficilmente avrebbe potuto pensare (figurarsi proporre o realizzare) una riforma del codice degli appalti che sostanzialmente capovolge la filosofia degli ultimi 30 anni in materia di contrasto alla lotta alla mafia. Il subappalto a cascata in Sicilia, così come l'affidamento diretto sotto la soglia dei 500 mila euro, avranno effetti devastanti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beni confiscati, il presidente della commissione Antimafia: "Occorre il tagliando alla legge sul riutilizzo sociale" 
PalermoToday è in caricamento