Bellolampo, Caracausi e Giaconia: "La Regione acceleri i lavori e copra costi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La chiusura della discarica di Bellolampo, a causa della saturazione della sesta vasca, crea enormi problemi al comune di Palermo e alla Rap, da quelli igienici a quelli ambientali ed economici. Ci saremmo aspettati dal governatore della Regione, nominato commissario, interventi più decisi per accelerare i lavori sulla settima vasca e ci aspettiamo inoltre che il governo copra i costi milionari che Palermo dovrà affrontare per conferire altrove l'immondizia". Lo dicono Paolo Caracausi (Idv) e Massimiliano Giaconia (Palermo 2022), rispettivamente presidente e compomente della commissione Aziende del Consiglio comunale 

"Per fare il punto della situazione - dicono Caracausi e Giaconia - la Terza commissione ha convocato l'amministratore unico della Rap Giuseppe Norata e l'assessore all'Ambiente Giusto Catania, così da valutare quali azioni intraprendere a tutela della città".
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento