Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica

"Fuoco amico" di Rifondazione su Orlando: "Lo Biundo va rimosso dal direttivo Ati"

Il segretario Fumetta attacca il Sindaco: "Così si legittima un personaggio su cui, dopo il caso Maniaci, si addensano forti ombre" e parla di "errore politico". Il primo cittadino di Partinico è un esponente Pd dell'area Cracolici, che recentemente ha aperto al Professore

Rifondazione comunista contro Leoluca Orlando per la nomina del sindaco di Partinico, Salvo Lo Biundo, nel direttivo dell'Assemblea territoriale idrica. Un attacco da "fuoco amico" visto che Rifondazione comunista a Palermo sostiene l'amministrazione Orlando ed in Giunta è rappresentata dall'assessore alla Mobilità Giusto Catania e da quello alla Scuola, Barbara Evola.

"Parte con il piede sbagliato il consorzio che dovrebbe mantenere l'acqua pubblica in provincia di Palermo - dichiara Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista -. La proposta avanzata dal presidente dell'assemblea e sindaco di Palermo Leoluca Orlando di inserire nel direttivo dell'assemblea il sindaco di Partinico Lo Biundo è un errore politico che legittima un personaggio su cui, dopo il caso Maniaci, si addensano forti ombre".

"Infatti comunque si legga 'la vicenda Maniaci', e al di là degli esiti giudiziari, è inaccettabile il comportamento che ha tenuto il sindaco Lo Biundo. Un atteggiamento ricattabile e connivente come dimostrano le intercettazioni telefoniche che raccontano uno spaccato inquietante del funzionamento della macchina amministrativa del Comune di Partinico. Il fatto che Orlando con la sua proposta prima e l'assemblea con la successiva votazione dopo non abbiano tenuto conto del ruolo politico che il sindaco di Partinico ha avuto in questa vicenda, getta forti ombre di trasparenza sull'azione dell'intera Ati", aggiunge Fumetta, che chiede quindi "rimuovere" Lo Biundo dall'Ati, ente pubblico che in provincia è chiamato regolare il servizio idrico. "Altri importanti sindaci di Comuni che hanno aderito al Consorzio sono rimasti fuori dal direttivo e un loro ingresso al posto di Lo Biundo toglierebbe quell'alone di sporcizia politica che al momento c'è sul direttivo Ati", rimarca il segretario provinciale di Rifondazione comunista.

Ma c'è anche un risvolto politico dietro l'attacco di Rifondazione Comunista, che al Consiglio comunale di Partinico si trova all'opposizione della Giunta Lo Biundo. Il quale, tra l'altro, è un esponente del Pd che fa parte dell'area Cracolici. Recentemente, proprio Cracolici - assessore regionale all'Agricoltura - si è detto pronto a sostenere Orlando qualora si candidasse alle primarie del centrosinistra. Un "invito" rispedito al mittente. Il "no, grazie" di Orlando tuttavia non avrebbe interrotto i tentativi di dialogo con l'area Cracolici. Fumetta conclude il suo intervento, chiedendo ad Orlando "che si adotti all'Ati la stessa linea di trasparenza che vi è stata in questi anni al Comune di Palermo e soprattutto che non si ritorni agli anni bui dell'inciucio che va oltre la decenza politica e l'interesse della collettività".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fuoco amico" di Rifondazione su Orlando: "Lo Biundo va rimosso dal direttivo Ati"

PalermoToday è in caricamento