Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Ars, stop al buono pasto da nove euro Lontana la riduzione dei deputati

Da oggi in poi i politici di Palazzo dei Normanni dovranno mettere mano al portafogli per i pasti consumati alla buvette. Tagliati anche i vitalizi, nessun provvedimento sul numero di poltrone

Palazzo dei Normanni, sede dell'Ars

Stop a buoni pasto e vitalizio culturale per deputati ed ex parlamentari dell’Ars. Da oggi in poi i politici di Palazzo dei Normanni dovranno mettere mano al portafogli per i pasti consumati alla buvette. Addio dunque al buono pasto da 9 euro. Lo ha stabilito il Consiglio di presidenza dell'Assemblea, presieduto da Francesco Cascio (Pdl), che ha accolto così la proposta avanzata a fine agosto dal Collegio dei questori dell'Ars. Azzerata anche l'indennità di aggiornamento culturale assegnata agli ex deputati che non percepiscono la pensione (seimila euro l'anno circa) mentre è stato raddoppiato il contributo dovuto dagli onorevoli per finanziare il fondo sanitario e assicurativo.

Ancora nessuna novità, invece, sul fronte della riduzione del numero di parlamentari che ad oggi sono 90 e dovrebbero essere ridotti a 50 secondo il decreto Tremonti. “La Sardegna – ha dichiarato Giovanni Barbagallo del Partito democratico all’Ars, che ha proposto un Ddl ad hoc bocciato due volte - ha approvato in commissione, all'unanimità, un disegno di legge per la riduzione del numero dei consiglieri regionali da 80 a 50. In Sicilia, invece, il mio disegno di legge di riduzione dei deputati è stato bocciato due volte e non è stato più inserito all'ordine del giorno secondo quanto previsto dal regolamento e stabilito dall'Aula. Dopo tale scelta la tesi che dovevamo parametrarci alle regioni a statuto speciale non regge più, poichè la Sicilia ha più consiglieri regionali di tutti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ars, stop al buono pasto da nove euro Lontana la riduzione dei deputati

PalermoToday è in caricamento