menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ars, niente esercizio provvisorio e il M5S attacca: "Maggioranza ci porta sul ciglio del baratro"

Il provvedimento sarà incardinato solo il 5 gennaio. I pentastellati chiedono a Musumeci di riferire in Aula: "Dopo i tanti fallimenti inanellati finora, non è riuscito nemmeno a votare in commissione Bilancio l’esercizio provvisorio, cosa che ci costringerà alla gestione provvisoria"

Slitta all'Ars la discussione sull'esercizio provvisorio. Il provvedimento sarà incardinato solo il 5 gennaio. La decisione manda su tutte le furie il Movimento 5 Stelle, che attacca duramente il governatore. "È proprio vero, una volta toccato il fondo si può ancora scavare: il governo Musumeci dei primati negativi è riuscito a battere se stesso. Dopo i tanti fallimenti inanellati finora, ieri sera non è riuscito nemmeno a votare in commissione Bilancio l’esercizio provvisorio, cosa che ci costringerà alla gestione provvisoria con il rischio di avere capitoli di spesa azzerati”, tuonano i pentastellati della commissione Bilancio, Luigi Sunseri e Nuccio Di Paola.

"Ancora una volta -  dicono i due deputati -  il Governo si è fatto cogliere del tutto impreparato, ritrovandosi ad approvare, con coperture incerte, norme che andavano approntate con largo anticipo.  È ovvio che così non si può andare avanti: Musumeci presenti a Roma un pacchetto di riforme serie, concordando con lo Stato quei passaggi che gli permettano di essere credibile. Questa maggioranza ci ha portato sul ciglio del baratro, si operi ora affinché non si faccia un passo avanti":

“Troppa – aggiunge il nuovo capogruppo Giovanni Di Caro - la leggerezza nel trattare vicende da cui dipende il destino dei siciliani. Musumeci venga a riferire in aula”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento