Politica

Ars, Miceli: "Deputati non vogliono pensione? Bastava dimettersi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Oggi tutti i deputati dell’Ars, per il solo fatto di essere stati eletti, maturano il diritto alla pensione. L’ennesima riprova che il sistema Sicilia non funziona e continua a essere forte con i deboli e debole con i forti". Così su Facebook Carmelo Miceli, segretario provinciale del Pd di Palermo. "Servirebbe altro - prosegue l'esponente dem -, non di certo le prese in giro come la 'marcia' che il Movimento 5 Stelle sta inscenando oggi a Palermo contro i privilegi. Per non maturare il diritto alla pansione i 5 Stelle avevano un unico strumento: presentare le proprie dimissioni entro ieri. Solo così, secondo la legge vigente, cioè l'unica cosa che conta, avrebbero rinunciato veramente e immediatamente ai privilegi di casta e, di conseguenza, essere realmente diversi dagli altri. Non lo hanno fatto. Il re è nudissimo, sono come gli altri. E come i deputati grillini - sottolinea Miceli -, anche tutti gli altri che siedono sugli scranni di Sala d’Ercole maturano una guarentigia economica per tutta la durata della loro vita e anche oltre. Quali i meriti? Essere stati eletti all’Ars. E nulla importa - prosegue - se la legislatura che sta terminando è stata tra le peggiori di sempre. Una Caporetto. E nonostante ciò i deputati regionali per l’ennesima volta faranno un terno secco, beffando i siciliani. Un po’ - conclude l'esponente dem - come il Marchese del Grillo che rivolgendosi a un gruppo di popolani disse loro: ‘Mi dispiace, ma io so' io e voi non siete un c***’".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ars, Miceli: "Deputati non vogliono pensione? Bastava dimettersi"

PalermoToday è in caricamento