rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Politica

Il “modello Sicilia” fa cilecca, la riforma del voto passa grazie al Pdl

Per la prima volta i grillini votano contro il governo regionale. E così a sorpresa si forma un asse tra centrosinistra e centrodestra. Dalle elezioni di giugno ci sarà la possibilità di votare per due candidati al consiglio comunale purché siano un uomo e una donna

Il “modello Sicilia” si infrange di fronte alle dinamiche parlamentari. Per la prima volta i 5 stelle votano contro il governo Crocetta e così la riforma del voto, che introduce già dalle elezioni comunali di giugno la possibilità di votare per due candidati al consiglio comunale purché siano un uomo e una donna (altrimenti il voto sarà nullo), passa grazie all’asse formato da centrosinistra e pezzi di centrodestra, con in testa Pd e Pdl. Che insieme hanno votato all'Assemblea regionale la norma, voluta dal governatore Crocetta e dalla sua maggioranza (Pd e Udc).

CROCETTA POMPIERE - Crocetta però cerca spegnere le polemiche. "Spero - ha affermato il Governatore - che nel Movimento 5stelle si apra una riflessione, per approvare leggi si fanno delle mediazioni, non si può pensare di incassare tutti i risultati". Ma per il movimento di Grillo, il voto conferma proprio il “modello Sicilia”. "Noi votiamo solo le idee che ci convincono - dichiara Giannina Ciancio, deputata 5 stelle - decidendo di volta in volta e questa volta eravamo contrari".

I 5stelle hanno votato contro la norma, che pur favorisce le pari opportunità e la presenza delle donne nei comuni, perchè assieme alla doppia preferenza volevano l’introduzione del "seggio unico" per lo spoglio. Ma l’intesa parlamentare, spinta dal Pd e raccolta dal Pdl, si è basata proprio sul voto secco alla sola doppia preferenza di genere, lasciando fuori gli altri tre articoli che avrebbero modificato l’impianto della legge elettorale, a poche settimane dal voto, che invece, proprio in virtù dell’accordo, saranno affrontati all’indomani delle elezioni amministrative di giugno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il “modello Sicilia” fa cilecca, la riforma del voto passa grazie al Pdl

PalermoToday è in caricamento