Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Ars, dopo una maratona notturna arriva l’ok alla finanziaria

Tra le norme ci sono il fondo immobiliare da 800 milioni a garanzia per il finanziamento di progetti di micro-fotovoltaico, la moratoria per mutui e finanziamenti e le iniziative richieste dai Forconi. Via libera anche al bilancio

Dopo una lunga maratona notturna, con sospensioni e riunioni fiume, è stata approvata soltanto all'alba di oggi la manovra finanziaria dall'Assemblea regionale siciliana. Sono 39 i voti favorevoli alla manovra, 15 i contrari e un astenuto. Approvato anche il bilancio della Regione con 40 voti favorevoli, 18 contrari e nessun astenuto. Tra le norme inserite nella Finanziaria spiccano il finanziamento dei cantieri, la mobilità obbligatoria interna per il personale della Regione, ma anche il mantenimento dell'Aran a cui vengono assegnati 300 mila euro per il funzionamento. Boccata d'ossigeno per la Gesip, la società partecipata del comune di Palermo in crisi finanziaria, a cui verranno destinati a breve 500 mila euro. Agli enti regionali sarà chiesto invece, sulla base dei tagli apportati dal Governo, di approntare entro 45 giorni dall'emanazione della legge, un piano di riordino dettagliato.

Disposta anche la riduzione del dieci per cento alle indennità degli assessori tecnici e ridotti del trenta per cento gli uffici di diretta collaborazione degli assessori. La Finanziaria approvata poco prima delle sei di questa mattina prevede anche la soppressione dell'Agenzia regionale per l'impiego, la riduzione dei componenti degli uffici di diretta collaborazione del Presidente della regione siciliana e degli assessori regionali, ma solo a partire dalla prossima legislatura, il trasferimento al Corpo forestale delle competenze del Dipartimento Azienda Foreste.

Sempre la Finanziaria approvata all'Ars prevede che il trattamento economico dei dirigenti apicali, di società ed enti controllati e partecipate dalla Regione non potrà essere superiore al 50 per cento degli emolumenti dei dirigenti generali. E ancora, aumentato di sei milioni di euro il fondo dei ticket sanitari per il 2012 e di 10 milioni per il 2013 e 2014 e disposta la patrimonializzazione dei Confidi. Previste anche nuove disposizioni per il recupero dei debiti degli Ato, gli Ambiti territoriali ottimali per i rifiuti. Inoltre, gli enti locali saranno autorizzati ad assumere senza oneri per la Regione a tempo indeterminato i 22 mila precari, previo superamento di un concorso. Via libera al fondo immobiliare di 800 milioni di euro a garanzia dei micro-progetti di fotovoltaico. In tema di tagli alle spese, ridotte del 10 e 5 per cento quelle relative alle attività scolastiche e la manutenzione degli edifici.

Nel corso dei lavori d'Aula, presieduti dal Presidente Francesco Cascio e dal Vice presidente vicario Santi Formica e dal vice presidente Camillo Oddo, si sono susseguiti gli interventi di deputati di tutti i gruppi parlamentari e di esponenti della Giunta di governo. La seduta è stata rinviata a giovedì 26 aprile alle 10 con all'ordine del giorno le comunicazioni del Presidente della Regione che parlerà ai 90 deputati della sua vicenda giudiziaria. Lombardo è imputato di concorso esterno in associazione mafiosa e si attende la decisione del gup di Catania se rinviarlo a giudizio oppure proscioglierlo. Lombardo ha già anunciato le sue dimissioni “un minuto prima che il gup emetterà la sua sentenza”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ars, dopo una maratona notturna arriva l’ok alla finanziaria

PalermoToday è in caricamento