Corruzione al Comune, Candiani e Gelarda (Lega): "Il marcio va sdradicato"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"In merito al terremoto che si è abbattuto sul comune di Palermo, con gli arresti di alcuni funzionari e di alcuni consiglieri comunali, la Lega chiede che si faccia la massima chiarezza, e la massima pulizia". E' quanto dichiarano il commissario della Lega in Sicilia Stefano Candiani e il capogruppo a Sala delle Lapidi Igor Gelarda.

"Se dovesse essere confermato che c'è del marcio, va sradicato in maniera netta e totale - sottolineano Candiani e Gelarda -. Intanto chiediamo la convocazione di una seduta di Consiglio comunale straordinaria affinché il sindaco Orlando, insieme all'assessore all'edilizia privata Emilio Arcuri, si presentino in aula a riferire su questa gravissima vicenda. Massima fiducia nell'operato della Guardia di finanza, dei carabinieri e della magistratura. Palermo, già vittima di una cattiva gestione politica, non può subire anche l'umiliazione di chi cerca di speculare su di una città fortemente ferita. La Lega - concludono i due esponenti del Carroccio - vuole chiarezza, i palermitani vogliono chiarezza".

Torna su
PalermoToday è in caricamento