rotate-mobile
Politica

Esposto sulle firme false del M5S, archiviata l'inchiesta su Ugo Forello

Così ha deciso il gip per il candidato sindaco grillino. L'avvocato è stato indagato dopo un esposto dei deputati del Movimento che lo avevano accusato di aver orientato le dichiarazioni della parlamentare La Rocca

Archiviata l’inchiesta sull’aspirante sindaco grillino Ugo Forello. Così ha deciso il gip per il candidato, "indagato per induzione a rendere dichiarazioni mendaci". Il caso era sorto dopo l’esposto presentato da alcuni deputati grillini tirati in ballo nell’inchiesta sulle firme false relative alla presentazione delle liste per le comunali del 2012.

Il reato contestato è quello previsto dall’articolo 377 bis del codice penale. Il candidato sindaco ha sempre respinto le accuse chiedendo proprio l’archiviazione del caso. Per i deputati grillini l’avvocato Forello avrebbe orientato le dichiarazioni della ‘super testimone’ dell’inchiesta, la parlamentare regionale Claudia La Rocca. E così, fugato ogni dubbio durante l’udienza camerale, il gip ha messo definitivamente la parola fine sulla vicenda.

"Mai avuto dubbi - dichiara Forello a PalermoToday - sulla inconsistenza della denuncia nei miei confronti. Non l'ho mai esternato solo per rispetto del lavoro della magistratura. Detto questo, oggi si mette un punto finale in questa storia. Adesso è il momento di guardare, tutti insieme, avanti: la città di Palermo merita un'Amministrazione a 5 stelle".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esposto sulle firme false del M5S, archiviata l'inchiesta su Ugo Forello

PalermoToday è in caricamento