rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Sala delle Lapidi

Democrazia partecipata, sì al regolamento che consente ai cittadini di proporre progetti al Comune

Il provvedimento è stato approvato all'unanimità in Consiglio. Tantillo: "Colma un vuoto che negli anni ha costretto l'amministrazione a restituire somme non spese e che ora potranno invece essere usate per la nostra comunità"

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il regolamento sull’utilizzo di somme con forma di democrazia partecipata ossia uno strumento xhe che permette ai cittadini di proporre e votare progetti attingendo al bilancio comunale. Insieme alla delibera è stato approvato un ordine del giorno che impegna l’amministrazione a porre in essere, con un iter più snello, tutte le procedure necessarie per l’utilizzo dei fondi del 2022, avviando anche interlocuzioni con il governo regionale con l’obiettivo di salvare le somme per l’annualità in corso.

"Il regolamento approvato oggi è frutto di un lavoro sinergico tra tutte le forze politiche e tutte le Commissioni consiliari. Finalmente la città si dota di uno strumento importante ed utile e poniamo fine ad una vicenda assurda che ha visto, negli scorsi anni, il Comune di Palermo inadempiente e responsabile di una perdita ingiustificata di somme", dichiara Domenico Bonanno, capogruppo della Dc in Consiglio comunale.

"Questa delibera giaceva all’ordine del giorno dal 2018 e la sua mancata approvazione ha comportato una perdita di oltre 1 milione e 800mila euro. La norma infatti impone ai Comuni l’utilizzo di almeno il 2% dei trasferimenti correnti provenienti dalla Regione, in forme di democrazia partecipata", aggiunge Bonanno. 

Per Giulio Tantillo, presidente del Consiglio comunale, "il nuovo regolamento per la democrazia partecipata approvato oggi colma un vuoto che negli anni ha costretto il Comune di Palermo a restituire somme non spese e che ora potranno invece essere usate per la nostra comunità.  La nuova Conferenza per la democrazia partecipata sarà un ulteriore strumento per rinforzare il dialogo fra il Consiglio e i cittadini, permettendo di trasformare in progetti concreti e realizzabili le idee che arriveranno su temi importanti per l'inclusione, la partecipazione, lo sviluppo sostenibile e la socialità".

Il gruppo consiliare del M5s pur sottolineando l'importanza dell'approvazione del regolamento, esprime una nota di disappunto: "Dispiace che in consiglio sia stato bocciato l'emendamento che includeva le circoscrizioni nell'organo che, ogni anno, predispone gli strumenti che la cittadinanza userà per le proprie proposte e votazioni. Nel testo approvato ha trovato spazio , come da nostra richiesta,  la 'discussione pubblica' e la trasparenza, fondamentali per un processo il più possibile informato".

I componenti della Commissione Bilancio Mariangela Di Gangi, Ugo Forello e Carmelo Miceli hanno affermato che "si tratta di un risultato importante in termini pratici e in termini politici, innanzitutto perché conferma che un positivo spirito collaborativo fra tutte le forze politiche. Col nuovo Regolamento sarà possibile avviare dei processi di partecipazione e decisione democratica che coinvolgeranno tutti i cittadini e le cittadine, che potranno proporre progetti utili per la nostra comunità e vederli realizzati con i fondi regionali.  L'attivazione di questi meccanismi e processi di partecipazione - concludono - rappresenta un primo passo perché l'amministrazione e il Consiglio si aprano a strumenti di coinvolgimento diretto della cittadinanza, non solo lì dove obbligatorio come per il Prg, ma anche per altri fondamentali strumenti di programmazione e gestione, come il bilancio".

“Il regolamento giaceva in Consiglio dal 2018. La sua approvazione è una buona notizia per l’amministrazione e la città. Maggioranza e opposizione hanno collaborato e in un costante confronto con l’assessorato sono riusciti a trovare la sintesi approvando all’unanimità la delibera. Cittadini, associazioni, enti e realtà territoriali potranno così partecipare con proprie proposte alla programmazione di interventi e iniziative sul territorio cittadino", ha dichiarato l’assessore alla Cultura Giampiero Cannella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Democrazia partecipata, sì al regolamento che consente ai cittadini di proporre progetti al Comune

PalermoToday è in caricamento