menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ars approva piano per disabilità gravissime: 2.140 i beneficiari

La commissione Sanità ha dato il via libera al programma: il contributo (assegno di 5.400 euro per ogni tre mensilità) sarà erogato dalle Asp direttamente al disabile o a un suo rappresentante legale. A breve l'elenco dei destinatari

La commissione Sanità dell’Ars ha approvato il Piano per la disabilita gravissima che permetterà di impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Beneficiari del contributi saranno 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal dm 26 settembre 2016. Lo schema per la classificazione dei disabili è redatto attraverso tabelle mutuate sulla base di quelle utilizzate da anni nella Regione Toscana e valutate positivamente dal tavolo dei direttori delle Asp (si considerano livelli di autonomia, stato di coscienza e comunicazione, autosufficienza respiratoria ed alimentare etc). 

Ai lavori della commissione, presieduta da Pippo Digiacomo, hanno partecipato il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi e l’assessore alla Famiglia Carmencita Mangano. In fase di prima applicazione per i mesi di aprile, maggio e giugno sarà versato a ciascun disabile gravissimo un assegno di 5.400 euro per le tre mensilità (pari a 1.800 euro al mese), i disabili di media gravità riceveranno invece un assegno di 3.000 euro (1.000 al mese). Il contributo sarà erogato dalle Asp direttamente al disabile o ad un suo rappresentante legale. Nei prossimi giorni le Asp comunicheranno l’elenco e la classificazione dei disabili destinatari del contributo. 

“L’obiettivo del Piano per la disabilità gravissima approvato oggi in commissione Sanità - dice l’assessore regionale alla Famiglia Carmencita Mangano - è una prima linea di intervento. Intanto, questo primo passo permetterà di impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Beneficiari dei contributi, come è noto, saranno 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal D.M. 26 settembre 2016. Il prossimo step è quello di definire le linee d'intervento strategiche, con la personalizzazione del percorso assistenziale attraverso i piani di cura. So che i tempi risicati non ci aiutano, ma vorremmo porre solide basi per il futuro degli interventi in favore di un mondo così multiforme e complesso. Mi preme sottolineare – conclude Mangano -, la necessità dell'apporto degli stessi destinatari degli interventi per disegnare insieme tale percorso ”.

“Abbiamo lavorato per creare una connessione tra le esigenze dei disabili e dei soggetti che se ne occupano e le istituzioni regionali che devono dare risposte concrete - dicono Marika Cirone Di Marco e Giuseppe Arancio, parlamentari regionali del PD e componenti della commissione sanità all’Ars -. L’approvazione del Piano per le disabilità gravissime rappresenta un passo importante in questa direzione, ma stiamo lavorando a tutto campo per affrontare i diversi problemi legati al mondo della disabilità: in questo senso grande importanza ha il Piano di integrazione sociosanitario che permetterà di affrontare in maniera organica la questione e di dare una nuova impostazione a cominciare dall’inserimento nel sistema e riconoscimento del ruolo delle IPAB”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento