Monreale non è tra le Zes, Caputo: "Penalizzazione inconcepibile"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Non conosco le motivazioni e i criteri seguiti dal Governo nazionale per determinare l’esclusione del territorio della ‘Città di Monreale’ dal novero dei Comuni della Sicilia occidentale inseriti nella zona economico sociale. Certamente si tratta di un episodio gravissimo per il futuro di Monreale oltre che geograficamente compromette l'intera perimetrazione dei comuni inseriti nella zona, che a breve diventerà destinataria di ingenti risorse destinate allo sviluppo economico, sociale ed imprenditoriale dell’intera zona. Sono contento dell'inserimento di tanti comuni della provincia di Palermo, ma se i criteri seguiti sono quelli determinati dalla vicinanza al mare, ai porti, agli antiporti e alla presenza di insediamenti produttivi, leggendo l'elenco dei Comuni mi sembra che Monreale sia, più di altri, in possesso delle caratteristiche previste per essere compresa nelle zone di sviluppo volute dal Governo". È quanto afferma il deputato regionale di Forza Italia e componente della commissione parlamentare Attività Produttive, Mario Caputo che questa mattina, in concomitanza con i lavori del Parlamento siciliano ha presentato un ordine del giorno per chiedere al Governo regionale di "intervenire presso il ministero competente perché integri le zone siciliane con l'inserimento della città di Monreale".

"Non ero parlamentare quando sono state avviate le procedure per individuare le aree territoriali da inserire nelle zone di sviluppo. Essere esclusi però – conclude Caputo – significa determinare una grave penalizzazione per l'intero territorio, atteso che sono previsti investimenti per decine di miliardi, oltre che agevolazioni per coloro che vorranno investire nelle zone di sviluppo. Monreale, per la sua posizione geografica, dista poco meno di dieci chilometri dal porto di Palermo. Nel territorio abbiamo attività industriali, artigianali, agricole, prodotti di qualità, una presenza turistica tra le più rilevanti dell'Isola. Siamo stati riconosciuti per alcuni monumenti patrimonio Unesco e abbiamo aree territoriali ove insediare attività industriali e artigianali di ogni genere. Non so quanti dei Comuni inseriti possano vantare una tale differenziazione territoriale oltre che un’offerta variegata dal punto di vista imprenditoriale. E come se vi sia stata o una grave disattenzione politica o peggio, una volontà di penalizzare Monreale. È chiaro che mi batterò dal punto di vista politico affinchè anche la nostra Città venga inserita in questo straordinario percorso di sviluppo”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento