Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Regione, Musumeci: "Nostra autonomia svenduta, adesso risaliamo la china"

In occasione del 72° anniversario dello Statuto siciliano, il governatore annuncia di volere "aprire un serrato e vigile confronto con il nuovo governo nazionale, al quale vogliamo presentarci a testa alta, senza sciocchi rivendicazionismi e senza complessi di colpa"

Nello Musumeci

"Dopo oltre settant’anni, la Sicilia rimane ancora fra le terre italiane più povere! E non certo per colpa dell’Autonomia, ma di quanti ne hanno fatto un uso distorto e spregiudicato. Lo Statuto doveva essere una ‘prerogativa’ per tutti e invece è stato un ‘privilegio’ per pochi. Il cinico e famelico centralismo romano ha fatto il resto, con norme statutarie inapplicate e sacrosanti diritti negati, spesso con la complicità di chi, eletto in Sicilia, avrebbe dovuto difenderla anziché svenderla nei palazzi di Roma". Lo scrive il presidente della Regione Nello Musumeci in un messaggio su Facebook in occasione del 72° anniversario dello Statuto siciliano, emanato da re Umberto II il 15 maggio 1946.

"Quell’evento rivoluzionario - scrive - segnò anche l’avvio di una stagione densa di buoni propositi e di diffuse speranze per lo sviluppo economico e sociale della Sicilia, fra le terre italiane più povere in quel drammatico dopoguerra, mentre si riorganizzavano da un lato la mafia e il banditismo, dall’altro i partiti e i movimenti politici, nel ritorno alla democrazia".

Secondo il governatore "Non serve adesso ricercare responsabilità che appartengono - seppure in misura diversa - a tutte le classi dirigenti e politiche avvicendatesi in questo lungo periodo alla guida della Regione e sui banchi dell’Assemblea regionale siciliana. Dobbiamo guardare avanti con rinnovata fiducia. Lavoriamo insieme - il governo, i deputati di tutti i gruppi, l’apparato burocratico, ciascun cittadino - in questo grande ‘cantiere Sicilia’, per ridare coraggio alle imprese, futuro ai giovani, diritti ai più deboli, speranza ai rassegnati. Per ritrovare, insomma, l’orgoglio di essere siciliani e la forza di risalire la china. È con questo spirito che intendiamo riaprire un serrato e vigile confronto con il nuovo Governo nazionale, al quale vogliamo presentarci a testa alta, senza sciocchi rivendicazionismi e senza complessi di colpa, forti anche di un mandato del Parlamento regionale che - sono certo - non avrà motivo di dividersi sugli interessi legittimi dell’Isola. Solo così potremo onorare l’impegno dei nostri Padri fondatori ed essere almeno certi che questi 72 anni - fra poche luci e molte ombre - non siano trascorsi invano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Musumeci: "Nostra autonomia svenduta, adesso risaliamo la china"

PalermoToday è in caricamento