Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Alfano a Palermo: "Se torniamo a votare sarà gara con Grillo"

Il segretario nazionale del Pdl: "Il Partito democratico appare confuso. Secondo Bersani la prima parola spetta a loro, ma l'hanno detta sbagliata e confusa". Sulla Sicilia: "Quella di Crocetta alle regionali è una vittoria di Pirro".

Angelino Alfano

In attesa di capire quali saranno le mosse di Beppe Grillo, Alfano passa all'attacco del Pd. "Grillo sta dicendo con chiarezza la sua opinione. Quello che appare confuso è il Partito democratico", ha detto il segretario del Pdl, che oggi ha tenuto una conferenza stampa a Palermo insieme con i coordinatori regionali Dore Misuraca e Giuseppe Castiglione, il presidente uscente del Senato Renato Schifani e il segretario del Cantiere popolare Saverio Romano. "Secondo Bersani - ha detto Alfano - la prima parola spetta a loro, ma l'hanno detta sbagliata e confusa, perchè non stanno parlando d'altro che di conflitto d'interessi e falso in bilancio e non dei problemi veri della gente. La Sinistra non ha capito che l'Italia è in una difficoltà economica grave, e loro invece di parlare di problemi pretendono non di governare il paese per dare soluzioni ma di usare il potere contro l'avversario politico. La Sinistra è pregata da noi di non mandare a sbattere l'Italia". Il Movimento Cinque Stelle? "E' un partito politico nascente - afferma Alfano - che ha il diritto di fare le proprie scelte come è naturale che sia, hanno preso tanti voti e ora speriamo che li usino bene". E in caso di ritorno alle urne, il segretario nazionale del Pdl azzarda: "Faccio un pronostico: se dovessimo tornare alle urne a breve, a livello nazionale si confermerà il modello Sicilia, cioè sarà una gara a due con la coalizione di centrodestra prima classificata e poi Grillo".

CROCETTA E LA VITTORIA DI PIRRO. Analizzando il risultato elettorale in Sicilia, Alfano rincara la dose. Questa volta l'indice è puntato contro il governatore Rosario Crocetta: "Prendiamo il risultato siciliano come un successo importante perchè fa seguito a un successo della Sinistra alle recenti regionali. Si è subito capito che la vittoria di Rosario Crocetta a ottobre era una vittoria di Pirro perchè non aveva spostato a sinistra l'elettorato siciliano e noi siamo felici che questa conferma sia arrivata dopo pochi mesi". A proposito della riforma delle province annunciata ieri in tv da Crocetta e prevista per oggi, Alfano commenta: "Il governo Crocetta ha cambiato un sacco di volte opinione sulle province. Vediamo cosa tireranno fuori stasera e speriamo che non facciano pasticci, perchè i nostri territori hanno l'esigenza di un organo di governo intermedio tra il Comune e la Regione".

RILANCIO IN SICILIA DEL PDL. "Questa vittoria ci prepara a un grande rilancio del Pdl in Sicilia", ha detto Renato Schifani. "Mi auguro - ha aggiunto il presidente del Senato - che a breve ogni comune della Sicilia possa avere un rappresentante del nostro partito, che ha il dovere di coltivare il segnale che ci hanno dato i nostri elettori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alfano a Palermo: "Se torniamo a votare sarà gara con Grillo"

PalermoToday è in caricamento